Tour de France 1978: la maxi cronosquadre di 153 km

Nel 1978, il Tour de France presentava una cronometro a squadre lunga ben 153 chilometri, una distanza incredibile, pari ad una tappa per velocisti di quelle in programma nei primissimi giorni di corsa. Era la quarta tappa della Grand Boucle da Evreux a Caen, e invece del tempo effettivo richiesto da una squadra, alle squadre venivano assegnati dei bonus di tempo in base alle loro posizioni finali.

Alla compagine vincitrice sarebbe stato assegnato un bonus di 2 minuti, il 2 ° ottenuto 1 minuto e 20 secondi, il 3 ° 1 minuto, il quarto più veloce 40 secondi e il quinto appena 20 secondi. Pertanto, per molti ciclisti non faceva molta differenza l’impegno che ci avrebbero messo, dato che poi la classifica sarebbe stata riscritta in base agli abbuoni.

I favoriti della gara, gli olandesi della TI-Raleigh, conquistarono la vittoria con appena 7 ” di vantaggio sul team C&A, mentre la compagine della Miko-Mercier di Joop Zoetemelk finì al terzo posto, 4’19” dietro. Il team francese Renault-Gitane di Bernard Hinault era indietro di 5’15 “al quarto posto. La vittoria fu sufficiente per mandare Klaus Peter Thaler del team TI-Raleigh in maglia gialla del leader della gara.

1.TI-Raleigh: 3hr 39min 7sec
2.C & A @ 7sec
3.Miko-Mercier @ 4min 19sec
4.Renault-Gitane @ 5min 15sec
5.Flandria-Velda @ 6min 20sec
6.Lejeune-BP @ 9min 4sec
7.Peugeot-Esso @ 13min 20sec
8.Fiat @ 19min 22sec
9.Teka @ 23min 39sec
10.Jobo @ 23min 48sec

Tuttavia, la vittoria della TI-Raleigh non fu poi così semplice come sembrava, e c’era anche un motivo. Sean Kelly, nel suo libro Hunger, avrebbe delineato ciò che stava accadendo dietro le quinte.

Kelly disse: “Non avevo idea dei conflitti interni che a volte colpivano le squadre olandesi e ho imparato la storia solo anni dopo, ma c’era una guerra civile in corso a TI-Raleigh. Thaler era un tedesco dell’ovest che correva per una squadra olandese. Spesso gli olandesi e i tedeschi non si vedono proprio bene. C’è molta rivalità tra di loro e quando aggiungi la storia della guerra può esserci un incremento per quella rivalità “.

“Apparentemente Peter Post, il leggendario e intransigente manager della squadra TI-Raleigh, non era entusiasta di avere un tedesco con la maglia gialla, ma sapeva che se TI-Raleigh avesse vinto la cronosquadre, Thaler avrebbe preso il comando della gara.”

Quindi si venne a sapere che Gerrie Knetemann aveva cercato di abbandonare il suo compagno di squadra quel giorno. Knetemann avrebbe lasciato il retro della squadra durante la fase costringendo Thaler a rincorrere. Non si fece perdere l’occasione di rimanere con i compagni di squadra e si prese il giallo di leader della corsa.

Hinault vinse il primo delle complessive cinque vittorie al Tour de France. TI-Raleigh ottenne ben dieci vittorie di tappa, tra cui il prologo e l’ultima. Le vittorie vennero ben distribuite, con Thaler, Jan Raas, Gerrie Knetemann, Hennie Kuiper, Henk Lubberding e Paul Wellens che ottennero successi individuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.