Texas Longhorns: le corna del bovino più famoso del football americano

Oggi parleremo di un logo americano, uno dei più famosi negli sport universitari degli Stati Uniti. Andiamo nello stato dove tutto è molto più grande rispetto al normale per parlare del logo dei Longhorns dell’Università del Texas ad Austin, città natale del (ex) campione di ciclismo Lance Armstrong.

Inizieremo dicendo che il nome delle squadre sportive dell’Università del Texas, fondata nel 1881, risale al 1903. Si riferisce al Texas Longhorn (letteralmente, le lunghe corna del Texas), una razza di bovini che si distingue per l’enorme dimensione delle sue corna (fino a due metri di larghezza) e questo è l’animale ufficiale dello stato del Texas.

Il nome divenne ben presto noto e nel 1913 c’erano già alcune rappresentazioni della testa di un toro di razza longhorn. Nel 1951, l’allenatore della squadra di football, Darrell Royal, commissionò a William Andrews, un commerciante di abbigliamento sportivo, la progettazione di un logo per i Longhorns. Andrews, che aveva giocato nella squadra in gioventù, decise di disegnare la sagoma di un toro dalle lunghe corna, non diversamente da quello che esiste ancora oggi. Il 23 settembre 1961, i giocatori lo portavano impresso sui loro caschi durante una partita a Berkeley, in California.

La cosa interessante è che il logo ha la sua versione gestuale. Si chiama con il termine “Hook’ em Horn” e non è altro che imbrogliare. Il gesto, creato da un intrattenitore di nome Harley Clark, si ripete in modo massiccio nei giochi di squadra di calcio. I rivali di solito lo fanno in modo inverso (puntando le corna verso il basso) e anche allungando il pollice.

Davide Bernasconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.