Terry Fox: l’uomo che sfidò il cancro correndo

Una delle storie sportive più stimolanti e che meritano di essere raccontate, per non dimenticare mai, è quella di Terry Fox.

Terrance Stanley Fox nacque il 28 luglio 1958 a Winnipeg, Manitoba, Canada. Da bambino praticava calcio, rugby e baseball, anche se la sua passione era il basket. Nonostante la sua altezza non fosse proprio la sua qualità, l’allenatore della squadra cercò spesso di dissuaderlo, Terry era molto testardo e non si fermò fino a quando non riuscì a conquistarsi un posto nella squadra.

Il 2 novembre 1976, Terry subì un incidente d’auto in cui subì un lieve infortunio al ginocchio destro. Nonostante la ferita non fosse poi così grave, soffrì di un dolore costante fino a quando, nel marzo del 1977, decise di recarsi da un dottore. Dopo vari test, gli venne diagnosticato un osteosarcoma, un tipo di cancro alle ossa che di solito si manifesta nelle ginocchia già durante l’infanzia. Anche se Terry pensava che l’incidente fosse stato la chiave per lo sviluppo della malattia, i medici gli dissero che non c’era alcuna relazione. soltanto una pura casualità. Gli diedero poi la brutta notizia che stavano per amputargli una gamba e sottoporlo a sessioni di chemioterapia. E non solo: aveva il 50% di probabilità di sopravvivere.

Tre settimane dopo l’amputazione, Terry Fox stava già camminando grazie all’aiuto di una protesi. Il giovane rimase poi molto colpito quando seppe che in soli due anni la medicina aveva fatto passi da gigante, portando il tasso di sopravvivenza dell’osteosarcoma dal 15% al ​​50%. Dopo 16 mesi difficili di chemio, Fox decise di lottare in favore della ricerca sul cancro.

Ispirandosi alla storia di Dick Traum, il primo amputato che completò la maratona di New York, iniziò ad allenarsi. Disse alla sua famiglia che voleva correre una maratona, ma il suo scopo era più ambizioso: attraversare il Canada da un capo all’altro per raccogliere fondi contro la malattia, la “Maratona della speranza”.

Nonostante il dolore, Terry Fox portò a termine la sua prima tappa nel settembre 1979, con una lunghezza di 27 km. Soltanto dopo, ebbe il coraggio di rivelare i suoi piani alla sua famiglia, che era contraria al progetto. Terry aveva in programma di raccogliere 24 milioni di dollari : un dollaro per ogni canadese.

Si diede da fare nel cercare sponsor, come la Canadian Cancer Society. Inoltre, Ford donò un furgone, Imperial Oil il carburante per farla camminare e Adidas un paio di scarpe.

Così, il 12 aprile 1980, Terry Fox iniziò “La Maratona della Speranza“. Cominciò vicino a St. Johns, Terranova, in riva al mare. Riempì due bottiglie di acqua dell’Atlantico, una come souvenir e l’altra per versarla nel Pacifico, dove aveva programmato di arrivare. Il cattivo tempo e la scarsa attenzione erano il tonico dei suoi primi giorni, finché in una città chiamata Port Aux Basques ricevette una donazione di 10.000 dollari.

Il 22 giugno, Terry arrivò a Montréal, circa un terzo del suo piano, con $ 200.000 raccolti. Fu allora che Isadore Sharp , un magnate del Canada che aveva perso un figlio a causa del cancro, conobbe la storia di Terry Fox e decise di contribuire con due dollari per ogni miglio che percorreva, e convinse anche altre 1.000 compagnie a fare lo stesso.

Quando arrivò ad Ottawa, capitale del paese, fu ricevuto da Pierre Trudeau , presidente del Canada (e padre dell’attuale numero uno canadese) e partecipò a vari tributi. Giorni dopo, venne accolto da 10.000 persone a Toronto. In un solo giorno in questa città ebbe modo di raccogliere $100.000. La star dell’hockey Bobby Orr gli consegnò un assegno da $25.000.

Pur continuando la sua corsa, Terry soffriva in continuazione di numerosi problemi di salute: tendiniti, infiammazioni e persino cisti. Ma rifiutò le cure mediche e voleva solo continuare. Il 1° settembre, a Thunder Bay (Ontario), un forte dolore al petto lo fece fermare. Venne ricoverato in ospedale. Il cancro era tornato e si era diffuso ai polmoni. Terminò così la sua avventura, dopo 5.373 chilometri raccogliendo 1,7 milioni di dollari.

Una settimana dopo la fine della sua carriera, la televisione canadese organizzò una maratona televisiva in cui vennero raccolti 10,5 milioni di dollari. Il conto continuava a rimanere aperto e nell’aprile 1981 erano già stati raccolti 23 milioni.

Terry Fox, nel frattempo, riceveva migliaia di lettere di supporto. Venne nominato membro dell’Ordine del Canada ed ammesso alla Canadian Sports Hall of Fame. Sfortunatamente, il cancro era ancora inarrestabile e la sua salute si stava deteriorando. Papa Giovanni Paolo II ebbe modo di inviargli un telegramma in cui mostrava il suo sostegno, pregando per la salute di Terry. Il 19 giugno 1981, l’atleta entrò al Royal Columbian Hospital di New Westminster, con una polmonite causata dal cancro. Entrò in coma e morì, circondato dalla sua famiglia, alle 4:35 del mattino del 28 giugno. Aveva appena 22 anni.

Il giorno dopo, il governo ordinò di sistemare le bandiere a mezz’asta. I suoi funerali furono trasmessi in televisione in tutta la nazione. Era nata una leggenda.

Con il suo nome erano stati battezzati, collegi, istituti, edifici, barche, parchi, strade, viali e impianti sportivi in ​​tutto il paese. Diversi vennero costruiti in suo onore e, cosa più importante: ogni anno, le gare con il suo nome vengono celebrate in tutto il mondo per raccogliere fondi contro il cancro. Si stima che nel 2018 siano già stati raccolti circa 750 milioni di dollari . Dalla sua morte, il tasso di sopravvivenza dell’osteosarcoma è aumentato fino al 70% grazie alla ricerca.

Un libro e un paio di film vennero poi ispirati alla vita di Terry Fox, uno di quei nomi che non dovrebbero mai essere dimenticati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.