Suzy Favor: dalle Olimpiadi ad escort a Las Vegas

Qualche settimana fa sono venuto a sapere della storia della protagonista di oggi e ho pensato che, anche se non era molto famosa come atleta, doveva essere portato a conoscenza di tanti lettori. È Suzy Favor.

Chi era? Un’atleta americana degli anni ’90 e dei primi anni 2000.

Perché è ricordata? Per aver corso alle Olimpiadi nel 1992, 1996 e 2000 sulla distanza di 1.500 metri e per essere arrivata seconda alle Universiadi del 1989.

Cosa le è successo? Si è ritirata dopo le Olimpiadi di Atene 2004. Dopo il suo ritiro e l’occupazione di cui parleremo, lavora come agente immobiliare e come docente.

Lo sapevi che? Ha appena pubblicato un libro intitolato Fast Girl , raccontando la sua esperienza come prostituta di lusso. Questa occupazione è venuta alla luce nel 2012. Dopo il suo addio alle competizioni, Suzy non ha avuto problemi finanziari, ma secondo lei un disturbo bipolare, farmaci antidepressivi e una dipendenza dal sesso l’hanno spinta a dedicarsi alla professione più antica del mondo.

– Ha lavorato con un’agenzia selezionata a Las Vegas. Aveva una tariffa di $ 600 all’ora o $ 6.000 al giorno. Il suo nome di “guerra” era Kelly Lundy.

– Nella sua autobiografia Fast Girl, ha scritto: “Era incredibile. Mi regalavano diamanti, pellicce, borse Louis Vuitton. Tutto questo però alimentava la mia mania. Era solo un altro modo, un’altra parte del comportamento a rischio che una persona bipolare, come sono io, può amare. Avere rapporti sessuali di continuo mi faceva sentire sempre meglio, solo che non avevo idea all’epoca di avere un disturbo bipolare”.

– Bionda e carina, ha confessato che da giovane si prostituiva già di tanto in tanto, quando aveva dei problemi.

– Suo marito, Mark Hamilton, conosceva la sua doppia vita e le chiedeva più e più volte di lasciarla.

– Ha una figlia.

– Non ha nascosto la sua vita precedente come olimpionica ai suoi clienti. In effetti, è stato uno di loro a rivelare alla stampa la sua occupazione. Quando venne pubblicata la notizia, ha pensato di suicidarsi, anche se poi per fortuna riuscì ad avanti avanti grazie all’aiuto della sua famiglia.

– Quando la sua identità è stata rivelata, alcuni dei suoi sponsor, come Nike, ruppero i loro contratti.

– A Sydney 2000 è caduto a metà gara. Anni dopo, ha confessato di averlo fatto apposta quando ha visto che non avrebbe vinto una medaglia per la terza volta consecutiva.

– Non è altissima: 1,60 metri.

– Ha adottato il cognome di suo marito ed è legalmente chiamata Suzy Favor Hamilton.

Biografia, palmares, statistiche: Suzy Favor è nata l’8 agosto 1968 a Seven Points, Wisconsin, Stati Uniti. Ha iniziato a gareggiare al primo livello all’Università alla fine degli anni 80. Si è ritirata nel 2004. Nel suo palmares ha un argento alle Universiadi ed è stata campionessa nazionale di 1.500 indoor e outdoor.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.