Sergei Salnikov: il calciatore nonno di Tsitsipas

Una delle stelle attuali del circuito tennistico mondiale è il greco Stefanos Tsitsipas. Lo sapevi che viene da una famiglia di atleti? E che suo nonno era un importante calciatore sovietico!? Il protagonista di cui andremo a narrare la storia è Sergei Salnikov.

Sergei Sergeyevich Salnikov nasce il 13 settembre 1925 a Krasnodar. Suo padre era russo e sua madre greca. In carriera centravanti, nel 1942 inizia a giocare per lo Spartak Mosca, e nel 1944 passa allo Zenit Leningrado (oggi San Pietroburgo).

Tornò allo Spartak nel 1946 e vinse due Coppe sovietiche. Nel 1949, il patrigno di Salnikov fu arrestato e mandato in un campo di lavoro. Il calciatore cercò di mediare affinché fosse almeno trasferito in un carcere tradizionale, e il regime gli consigliò di firmare per la Dinamo Mosca, la squadra di polizia politica più vicina al potere. A malincuore, Salnikov accettò e iniziò a giocare per la Dynamo nel 1950.

Dopo quattro anni in cui vinse una Coppa e un campionato, e dopo la scarcerazione del patrigno, tornò allo Spartak nel 1954. Nello stesso anno fece il suo esordio con la squadra nazionale sovietica. Vinse due leghe e un’altra Coppa, e con l’URSS conquistò l’oro alle Olimpiadi di Melbourne nel 1956. Due anni dopo, fece parte della nazionale che andò ai Mondiali di Svezia del 1958. Si ritirò nel 1960 e negli anni seguenti ricoprì incarichi tecnici allo Spartak e fu l’allenatore della nazionale dell’Afghanistan.

La loro figlia Julia, che è diventata una tennista professionista e ha giocato dal 1980 al 1992 , è nata nell’agosto del 1964. Julia Salnikova ha sposato l’allenatore greco Apostolos Tsitsipas e ha cambiato il suo nome in Julia Apostoli, e negli ultimi anni della sua carriera ha gareggiato rappresentando la Grecia. Dopo il pensionamento, entrambi hanno lavorato come allenatori sportivi in un resort hotel vicino ad Atene e nel 1998 hanno avuto un figlio, Stefanos. Due anni dopo arrivò Petros. Entrambi sono tennisti professionisti, Stefanos è il più famoso, attuale numero 3 del mondo e finalista in Australia e Roland Garros.

Tornando a Salnikov, il calciatore morì il 9 maggio 1984 a Mosca, ad appena 58 anni.

Davide Bernasconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.