Sandy Koufax, la star del baseball che si rifiutò di giocare durante lo Yom Kippur

E’ stata una delle grandi leggende del baseball americano, che ha anteposto le sue convinzioni religiose alla sua professione: si tratta di Sandy Koufax.

Sanford Braun nacque il 30 dicembre 1935 a Brooklyn, New York, da una famiglia ebrea. Quando aveva tre anni, i suoi genitori divorziarono e, qualche tempo dopo, sua madre sposò un ragazzo di nome Irving Koufax, da cui il protagonista prese quindi il cognome.

Esordisce da professionista nel 1955 nelle file dei Brooklyn Dodgers, che tre anni dopo si stabiliscono a Los Angeles, con Koufax nel loro staff.

Quattro volte vincitore delle World Series (1955, 1959, 1963 e 1965), Koufax è stato uno dei protagonisti del mondo della MLB risultando uno dei migliori lanciatori. Sette volte All-Star e due volte MVP delle Final Series, Koufax è ricordato, tra l’altro, perché nel 1965 si rifiutò di lanciare nella prima partita delle World Series perché coincideva con lo Yom Kippur, il giorno più sacro della calendario ebraico.

La decisione di Koufax accese negli Stati Uniti un intenso dibattito sui conflitti che nascono tra credenze religiose e vita sociale. Koufax alla fine non si è arrese alla pressione e non scese in campo, ma lo fece nelle partite successive, risultando elemento decisivo per i Dodgers per vincere il campionato e aggiudicandosi il titolo di MVP.

Ma la carriera di Koufax è stata breve, dovendo ritirarsi presto a soli 30 anni a causa di un’artrite al gomito sinistro. Nell’ultimo anno della sua carriera scese in campo con un dolore costante. Sei anni dopo venne eletto alla Baseball Hall of Fame, diventando il più giovane a farlo.

Dopo il suo ritiro, ha lavorato per alcuni anni come commentatore per la NBC e poi fino al 1990 come pitching coach per i Dodgers. Dopo diversi incarichi da allenatore in alcune squadre, fino a qualche anno fa è stato consigliere speciale del patron dei Dodgers. Ora risiede in pensione a Los Angeles e compirà 88 anni a dicembre 2023.

Davide Bernasconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.