Roma-Napoli 0-1, Maradona lancia gli azzurri verso il primo scudetto (1987)

Splendeva il sole sull’Olimpico di Roma quel pomeriggio d’ottobre di 30 anni fa circa ed alle 16.15 (più o meno) il cielo sarà ancora più azzurro. Il Napoli sbancò il campo dei giallorossi dopo dieci anni e, agganciata la Juventus capoclassifica, non mollerà più il comando fino all’apoteosi del 10 maggio 1987, giorno del primo scudetto degli azzurri. Protagonista dello scalpo romanista è, inutile dirlo, Maradona che firma al primo minuto della seconda frazione di gioco la rete decisiva.

Il Pibe de Oro era deciso a portare alle pendici del Vesuvio il primo scudetto della storia e, forte del titolo di campione del mondo, avendo condotto la sua Argentina al successo in Messico, le premesse vennero messe fin dall’inizio. Sarà poi il successo in casa della Juventus campione in carica, qualche settimana più tardi, a mettere definitivamente le cose in chiaro.

Leggi anche  Juventus-Napoli 1-3, lo scalpo di Torino e gli azzurri volano verso primo scudetto

Da notare che nelle file napoletane fece il suo esordio Francesco Romano, che si rivelerà uomo chiave del centrocampo nel corso di tutta la stagione ed arrivato dalla Triestina. All’epoca infatti, il calciomercato di riparazione si svolgeva già in autunno, utile a risolver egli ultimi problemi tecnici nei clubs.

Roma-Napoli: tabellino del match

Roma – domenica 26 ottobre 1986 – Stadio “Olimpico”
ROMA – NAPOLI 0-1
Rete: 46’ Maradona (Na)
Napoli: Garella, Bruscolotti, Ferrara, Bagni, Ferrario (51’ Volpecina), Renica, Sola, De Napoli, Giordano, Maradona (81’ Carnevale), Romano. (12° Di Fusco, 15° Caffarelli, 16° Muro). Allenatore: Bianchi.
Roma: Tancredi, Gerolin, Baroni, Boniek, Nela (46’ Oddi), Righetti U., Berggreen (71’ Agostini M.), Giannini, Pruzzo, Desideri, Conti. (12° Gregori, 15° Di Carlo, 16° Baldieri) Allenatore: Sormani. Direttore Tecnico: Eriksson.
Arbitro: Redini (Pisa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

15 + 14 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.