Rete di Pallavolo: quanto è alta, come è fatta, chi l’ha inventata

Arriva l’estate ed è tempo di beach-volley, anche per chi ha trascorso l’inverno a giocare a pallavolo al coperto. E può capitare che, pur “mangiando” palloni in palestra ogni  sera con duri allenamenti, ci troviamo spaesati quando vogliamo giocare con amici facendo passare un pallone sopra la rete.

Giusto, ma quanto è alta la rete da pallavolo?

Ebbene, ecco le misure per ogni sesso e categoria. La rete è alta 2,43 metri per le gare maschili e 2,24 metri per le gare femminili, misura internazionale e dunque immodificabile. Le categorie giovanili, ovviamente essendo nella fase dello sviluppo, prevedono delle eccezioni. Nella stagione 2016-17 erano così definite:

Maschile: Under 16 2,35 mt; Under 14 2,15 mt; Under 13 2,05 mt.

Femminile: Under 14 e Under 13 2,15 mt

Come si misura la rete di pallavolo

La misurazione deve essere effettuata nella parte centrale, dove l’altezza deve essere esatta, mentre in corrispondenza delle due linee laterali può variare in eccesso per un massimo di due centimetri in modo simmetrico. La rete si estende per 9,50-10 metri in lunghezza e un metro in altezza. Due bande bianche verticali, larghe 5 centimetri e alte 1 metro, sono fissate alla rete esattamente al di sopra di essa.

Per il volley fra amici ed altri sport estivi, una pratica rete smontabile e leggera. Qui su Amazon.

 

Tutti i dettagli della rete di pallavolo

 

Due bande bianche verticali, larghe 5 centimetri e alte 1 metro, sono fissate alla rete esattamente al di sopra di ciascuna linea laterale. Esternamente alle bande vengono inserite le antenne (due aste in fibra di vetro di 1,80 m di altezza e 10 mm di diametro) verniciate a fasce alternate di due colori contrastanti, preferibilmente bianco e rosso; ogni antenna si estende 80 cm al di sopra della rete allo scopo di delimitare lo spazio di passaggio della palla. La maglia della rete deve essere invece un quadrato di 10 cm per lato.

Ed il Beach-Volley?

Sebbene la sabbia non costituisca affatto il terreno più elastico per praticare uno sport che prevede numerosi salti, le dimensioni della rete sono identiche a quelle della pallavolo indoor, ovvero 2,43 mt per gli uomini e 2,24 mt per le donne. A cambiare è invece il rettangolo di gioco che misura “solo” 16 x 8 mt, a differenza del volley classico che è dimensionato sugli ormai classici 18 x 9 metri.

 

Chi ha inventato la rete di pallavolo?

La risposta è assai semplice: il gioco della pallavolo, originalmente chiamato “mintonette,” venne inventato nel 1895 da William G. Morgan, appena quattro anni dopo la nascita del basket. I due sport infatti furono legati alla nascita per il fatto che lo stesso Morgan si laureò presso lo Springfield College di YMCA, dove conobbe James Naismith, “padre” della pallacanestro. Morgan pensò ad uno sport, da praticare al coperto, che potesse fondere in una sola disciplina basket, baseball, tennis, e pallamano.

E raccontò così la sua esperienza di “inventore” di sport: “Ero alla ricerca di un gioco appropriato, avevo in mente il tennis, ma occorrevano racchette, palline ed altro equipaggiamento adatto, così lo eliminai, ma non del tutto, dai miei pensieri. Allora alzai la rete all’altezza di 6 piedi e 6 pollici (1.98 metri) dal terreno, giusto sopra la testa di un uomo di medie dimensioni. Avevamo bisogno di un pallone, così prendemmo la camera d’aria della palla da basket, ma era troppo leggera e lenta. Passammo al pallone vero, ma era troppo pesante e troppo grande”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.