Record di partite nello stesso giorno

Giocare più volte, magari contro lo stesso avversario, a distanza di pochi giorni? Accade talvolta in Italia, quando due squadre si scontrano in Serie A e poi in Coppa Italia, o viceversa, nella stessa settimana, per un caos fortuito voluto dal destino. Ma vi sono invece eccezioni che la storia del pallone ha scritto in maniera più complicata.

L’Argentina e l’Uruguay giocarono due volte nello stesso giorno per tre volte di seguito. Ebbene si, era il 1913, quando si affrontarono in amichevoli a Montevideo e Buenos Aires il 27 aprile. Dato che la distanza tra queste città è di ben 280 km, si dubita, non avendo in mano gli almanacchi, che a giocarsi le partite siano stati gli stessi identici giocatori. L’Uruguay vinse per 4-0 in casa e pareggiò 0-0 in trasferta. Ripeterono il 13 luglio, con l’Uruguay che vinse 5-4 in casa e andò a pareggiare per 3-3. Il 1 ° ottobre 1916, le due compagini giocarono per l’Uruguayan Honour Cup a Montevideo, con l‘Argentina che ebbe la meglio con il risultato minimo, per 1-0, e lo stesso giorno, ad Avellaneda per la Lipton Cup, dove l’Argentina vinse, ma più nettamente per 7-2.

Cronache marziane, si direbbe , da un blog di calcio africano, in Kenya vi furono due compagini a giocarsi due volte la vita, o quasi: KTM Thika e Kericho Allstars si affrontarono nello stesso giorno nel corso degli anni ’80.

Anche il il Brasile si aggiunge a questo lungo elenco, sebbene si trovò a sfidare due avversari diversi, sempre dell’Est Europa. Dapprima pareggiò per 2-2 con l’Unione Sovietica e superò l’Ungheria 5-3 nel 1965, una partita giocata a Rio ed una a San Paolo. Rimanendo sempre in Brasile, passando a squadre di clubs, il San Paolo superò lo Sporting Cristal per 3-1 nella Coppa Conmebol lo stesso giorno (16 novembre 1994) e poi vinse per 3-1 sul Grêmio.

Per non essere da meno, Grêmio addirittura disputò tre partite in un giorno nel 1994, contro Aimoré, Santa Cruz e Brasil de Pelotas, tutte valide per la coppa di stato. Vennero impiegati complessivamente trentaquattro giocatori mentre tre di loro ebbero la sfortuna di dover fare gli straordinari, giocando tutti e tre i matches.

In Inghilterra, l’Everton giocò tre partite in due giorni nel lontano 1888: nella Lancashire Cup contro Blackburn nella mattina di Natale, seguita da un’esibizione contro l’Ulster FC nel pomeriggio, vincendo entrambe. Il giorno seguente, forse stanchi, pareggiarono 0-0 con Bootle.

Una compagine minore inglese, il Hornchurch della Ryman League ha dovuto giocare due partite in un giorno alla fine della stagione 2000-01 per concludere il torneo mentre in Galles, la sezione giovanile del Wrexham ha affrontato Airbus nella Welsh Cup del 3 dicembre 2011, iniziando soltanto mezzora dopo rispetto alla selezione dei Red Dragons più esperti che aveva superato il Brentford in un match valido per la FA Cup.

Davide Bernasconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.