Record del calcio: L’espulsione più veloce al mondo

Correva il 27 dicembre 2008, quando David Pratt, attaccante del Chippenham Town segnò un nuovo e particolare record del mondo, anche se non era esattamente quello che avrebbe voluto fare.

Andando a far visita sul campo del Bashley per un match valido per la Southern Premier League, una delle tante serie inferiori della piramide del calcio inglese, l’undici di partenza del Chippenham includeva anche il giovane 21-enne Pratt, peccato che ciò accadde per soli 3 secondi. Ebbene si, dopo il fischio iniziale, non fece altro che commettere un’entrata pazzesca sul centrocampista avversario del Bashley Chris Knowles, non facendo altro che rimediare un cartellino rosso diretto, sventolatogli sotto al naso dal direttore di gara Justin Amey. Il manager del Bashley Steve Riley non fece altro che ringraziare la giacchetta nera per la decisione presa senza pensarci troppo e disse: “Il ragazzino si è lanciato direttamente sugli stinchi del mio giocatore senza pensarci troppo. Avrebbe potuto rompergli una gamba. L’arbitro non aveva scelta”. Fortunatamente, Knowles non rimase infortunato e, a differenza di Pratt, potè rimanere sul terreno di gioco.

Nonostante l’inferiorità numerica fosse stata così rapida, il Chippenham passò in vantaggio al 10° minuto, per poi però farsi rimontare in men che non si dica, con la squadra di casa che colse il successo al termine dei 90 minuti per 2-1.

Il cartellino rosso di Pratt rappresenta tuttora il record del mondo per un giocatore che abbia iniziato il match, battendo il precedente primato di 10 secondi stabilito dall’italiano Giuseppe Lorenzo, che lo deteneva dal 1990 quando militava fra le fila del Bologna, quando contro il Parma, in Serie A, fece primato per aver rifilato una gomitata in volto al difensore avversario Luigi Apolloni nel corso di un calcio d’angolo.

Rimanendo in Inghilterra, il precedente primato, di 13 secondi, apparteneva al portiere del Sheffield Wednesday Kevin Pressman che nel 2000, contro il Wolverhampton, colpì la palla fuori dall’area di rigore con le mani e si guadagnò rapidamente la via degli spogliatoi.
Da parte sua Pratt più tardi disse: “il record del mondo non è un grande affare per me. Non è qualcosa che mi fa sentire orgoglioso”. Nel maggio 2009, si accasò al Basingstoke Town, dove con il suo comportamento si aggiudicò ben due premi nella stagione in 2009-10: venne nominato giocatore dell’anno sia da parte dei Managers che dei tifosi, mettendo così a tacere per sempre la sua brutta fama.

Davide Bernasconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.