Recensioni: Tutta colpa del Mundialito

Ti trovi a scrivere la recensione di un libri di un evento a cui ebbi l’opportunità di assistere da dietro il televisore di casa (ancora in bianco e nero) solo perchè sei più anziano di chi con cura ha saputo narrare un evento sportivo nel bel mezzo di una pandemia (lasciatemi usare questo termine please) socio-politica-terroristica e non sa ora prenderne coscienza di quello che fu esattamente soltanto perchè il 2020 ci ha offerto ben altro. 

Eppure il momento del Mundialito di calcio, fu, rivisto oggi con calma e sangue freddo, il primo momento storico di proposizione del calcio in Italia come evento per attrarre e cambiare il modo di fare economia. Il pallone entrava forzatamente nelle case degli Italiani, con la scusa che ci fossero gli Azzurri di Bearzot, per modificare i diritti tv e non solo. Così qualcuno capì che si poteva far politica con una sfera che scorreva sul verde prato e se poi a vincere fu la Celeste, beh a non molti importava comprendere quanto fosse determinante per il non cambio di governo del paese con capitale Montevideo. Preciso e puntuale. Welle done.

Tutta colpa del Mundialito. Silvio Berlusconi, la tv, il calcio, la politica e l’ombra della P2 (1980-81) di Andrea Bacci

Editore : Bradipolibri
Lingua : Italiano
Copertina flessibile : 240 pagine
Data di uscita: 29 gennaio 2021
ISBN-13 : 978-8899146856

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

undici − sette =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.