Quanto guadagna un arbitro di calcio giovanile

Il calcio giovanile è il primo passo da compiere per aspirare a diventare un campione dello sport più popolare al mondo, non solo in Italia, diventare famoso, ricco, inseguito dai fans per una foto ed un autografo ed anche dalle donne, visto che nel mondo del pallone non mancano le belle fanciulle che, secondo la terminologia inglese, vengono definite WAGS (Wives And Girlfriends ovvero mogli e fidanzate di sportivi famosi).

Ma non soltanto gli atleti ad essere protagonisti su un campo di calcio, visto la quantità di personaggi che bazzicano lungo il terreno di gioco e gli spalti.

Gli arbitri non sono più gli ultimi, sebbene chiamati ancora giacchette nere per via del colore delle loro divise che, un tempo, permetteva a chiunque di identificarli immediatamente anche dal seggiolino più lontano dello stadio.

Ma quanto guadagna un arbitro che dirige le partite dei campionati giovanili, la base dello sport che ha nella Serie A il suo vertice?

Andiamo a scoprirlo.

Categorie del calcio giovanile: quali sono

Innanzitutto andiamo a definire cosa s’intende per calcio giovanile e quali sono le differenti categorie.

  • Campionato Juniores: età17-18 anni
  • Campionato Allievi: età 15-16 anni
  • Campionato Giovanissimi: età 13-14 anni
  • Campionato Esordienti: età 11-12 anni
  • Campionato Pulcini: età 9-10 anni
  • Torneo Scuola Calcio: età 7-8 anni.

Gli arbitri sono presenti a partire dalla categoria Esordienti; nelle prime due categorie vige la regola dell’arbitraggio fatta dagli allenatori di una delle due squadre.

Quanto guadagna un arbitro di calcio giovanile

Dopo aver definito le categorie, possiamo ora passare ad analizzare gli importi. Secondo la tabella pubblicata sul sito ufficiale della FIGC, la differenza è dettata dalla distanza della sede della partita dal luogo di residenza del direttore di gara.

Gli importi prevedono un importo lordo, comprensivo delle spese di viaggio, che quindi, per comprendere quanto va in tasca netto all’arbitro, dipende da quale mezzo di trasporto si usa. Poiché il primo livello da cui inizia un direttore di gara sono le categorie giovanissimi e allievi, ecco gli incassi relativi agli spostamenti effettuati per le trasferte:

  • 35 euro fino a 25 km dalla sede arbitrale
  • 50 euro fino a 50 km
  • 60 euro fino a 75 km
  • 66 euro fino a 100 km
  • 75 euro fino a 150 km
  • 86 euro fino a 200 km
  • 100 euro fino a 250 km
  • 110 euro fino a 300 km
  • 120 euro fino a 350 km
  • 130 euro fino a 400 km
  • 140 euro fino a 500 km
  • 160 euro fino a 600 km
  • 180 euro fino a 700 km
  • 210 euro fino a 800 km

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.