Quando Overmars decise di tornare in campo

Poco meno di un anno dopo aver lasciato il Bayern Monaco e aver annunciato il suo ritiro, Arjen Robben decise di ribaltare la sua decisione. “Voglio tornare come giocatore dell’FC Groningen. Ho ascoltato l’appello dei nostri sostenitori “.

I fans, e non solo del club in cui divenne professionista, erano comprensibilmente entusiasti. Anche a 36 anni, un nome sinonimo di successo come Robben è un bel colpo per il botteghino. Un giocatore pluridecorato che ritorna alle sue radici, tuttavia, non è una novità nei Paesi Bassi.

In una burrascosa notte di luglio del 2008, Jaap Stam era a Zwolle – la città in cui ebbe inizio la sua carriera – per partecipare alla sua partita d’addio. Una squadra composta principalmente dai compagni di squadra della Coppa del Mondo 1998 di Stam affrontò l’Ajax, la sua ultima squadra. A giocare per il Team Jaap c’erano giocatori di calibro di Clarence Seedorf, Edgar Davids e Patrick Kluivert. Non sorprende che si siano rapidamente portati in vantaggio per 3-0.

Marc Overmars si era ritirato circa quattro anni prima a causa di gravi infortuni, ma mentre la carriera di Stam stava per diventare piatta, ebbe un sussulto.

Overmars apparse più veloce che mai sulla fascia sinistra, causando problemi al terzino destro della nazionale rumena George Ogăraru. Poco dopo l’intervallo, Overmars ricevette un pallone sul lato sinistro, correndo verso la porta per eludere il contrasto di Rob Wielaert e finendo per infilarlo sul primo palo.

Nonostante fosse solo un match d’addio, la forma di Overmars non passò inosservata. La notizia della sua esibizione si diffuse a macchia d’olio, con la notizia che diversi club olandesi e tedeschi di alto livello erano entusiasti di parlare con l’esterno 35enne. Il giocatore, tuttavia, aveva solo un pensiero nella sua mente.

Overmars era nato il 29 marzo 1973 a Emst, un villaggio anonimo di circa 3.000 persone. Iniziò la sua carriera con la squadra locale SV Epe prima di trasferirsi 20 km a sud-est a Deventer.

Nel grande schema dei nomi delle squadre di calcio, non si sospetterebbe che i rappresentanti di questa città portino il soprannome che portano. Tuttavia, Go Ahead Eagles è la squadra che i residenti chiamano proprio. L’uccello è stato aggiunto in riferimento al simbolo sullo scudo della città, mentre Go Ahead è stato scelto dopo che la federazione nazionale espresse il suo rifiuto per il nome originale del club Be Quick.

A parte le controversie sulla serietà del loro nome, il club vanta un posto nella storia del calcio olandese. Nella stagione 1971/72, furono l’unica squadra a sconfiggere l’Ajax in campionato. In anni più recenti, hanno prodotto diversi internazionali come Demy de Zeeuw, Jan Kromkamp e Paul Bosvelt. Il primo e più importante, tuttavia, è Overmars, il cui fratello maggiore Edwin ha trascorso diversi anni al club.

Marc è entrato nella prima squadra nel 1991, giocando meno di una dozzina di partite nelle serie inferiori prima di passare alla squadra di Eredivisie Willem II. In poco tempo, Overmars stava vincendo la Champions League con l’Ajax, segnando il vincitore all’Old Trafford per l’Arsenal e pavoneggiandosi al Camp Nou. Al suo apice, era giustamente considerato uno dei più forti al mondo nel suo ruolo.

Sfortunatamente, l’incantesimo di Overmars al vertice è stato seriamente sproporzionato rispetto al suo talento. Al centro di questo ci fu una serie di infortuni, a partire da una rottura del crociato nel dicembre 1995 che alla fine lo ha costretto a ritirarsi nel 2004 a 31 anni. In uno stato così fragile, era in grado di allenarsi solo una volta alla settimana.

All’inizio voleva stare lontano dal calcio, ma Overmars cambiò presto opinione. Nel febbraio 2005, decise di investire 100.000 euro per diventare azionista del Go Ahead Eagles a corto di liquidità. Due mesi dopo era entrato a far parte del consiglio, con grande gioia del presidente Hans de Vroome: “Da calciatore ha ottenuto tutto e ha una buona visione del gioco e del club. Avevamo bisogno di qualcuno con un solido background calcistico – quel bisogno è più che soddisfatto con l’arrivo di Marc Overmars “.

Pochi immaginavano che un simile aiuto si sarebbe esteso oltre la sala del consiglio. D’altronde, un talento così precoce è sempre stato più a suo agio in campo. Dopo aver giocato nella partita di addio di Stam, emersero rapidamente voci di un potenziale accordo. “Sono stato invitato alla partita del ritiro di Stam. Ho fatto abbastanza bene davanti a un prezioso avversario, Ogăraru. Il giorno dopo, molti agenti mi hanno chiamato proponendomi contratti. Ho rifiutato le loro offerte, ma ho considerato la proposta.

“Stavamo già lavorando al Go Ahead, quindi ho deciso di aiutare loro. Non ho mai giocato per soldi, ma per altre cose, che secondo me sono più importanti. Il cameratismo, l’odore dell’erba e la sensazione che ti danno gli sport ad alte prestazioni non possono essere paragonati a niente ”.

Un ritorno da favola, fin dall’inizio era chiaro quanto la realtà si sarebbe rivelata difficile. L’allenamento ha riportato dolore al suo corpo invecchiato, il che significò che Overmars dovette saltare la partita di apertura della stagione al VVV-Venlo. In precedenza aveva giocato solo una volta alla settimana con il suo amico Bosvelt, che aveva intenzione di tentare anche lui.

Avrebbe assaggiato nuovamente il profumo dell’erba da professionista il 15 agosto 2008. Erano passati ben 1.545 giorni dall’ultima apparizione di Overmars, a cui si erano affiancati Ronaldinho , Xavi e Víctor Valdés. Nel frattempo, la sua terzultima partita fu un’ora nel El Clásico contro un Real Madrid al culmine dell’era Galáctico. Ma non era questo il punto.

Non importa che gli avversari ora fossero Fortuna Sittard e solo 4.618 persone erano lì per vederlo, Overmars era tornato. Quando Jeffrey Vlug cedette il posto al numero 15, tutto il De Adelaarshorst si alzò in piedi per applaudire, cantando il nome del loro eroe mentre entrava in campo. Questo era amore, completamente reciproco e puro.

La squadra fu all’altezza del suo nome a dieci minuti dalla fine, tuttavia il Fortuna riuscì a pareggiare nei minuti di recupero. Durante la stagione Overmars non fu in grado di segnare in 24 partite. La squadra trascorse la maggior parte del torneo a metà classifica, finendo al settimo posto.

Questa buona forma di fine stagione coincise con Overmars che era stato messo da parte, poiché aveva saltato cinque settimane tra marzo e aprile a causa di ulteriori problemi al ginocchio. Avrebbe fatto un ultimo ritorno nell’ultima partita casalinga della stagione di Go Ahead contro il TOP Oss. Arrivato all’ultimo minuto di una vittoria per 1-0, doveva finire con un crudele scherzo del destino.

Pochi istanti dopo essere entrato, Overmars cadde e si danneggiò seriamente la caviglia. Conoscendo la sua storia, i barellieri si preparavano frettolosamente, ma i resistenti Overmars se ne sarebbero andati zoppicando. “Non ho intenzione di uscire dal campo in barella nella mia ultima partita”, commentò in seguito.

Era un modo ironico perché tutto finisse, ma la cosa che contava era la posizione piuttosto che la circostanza. Overmars era uscito dal campo quel giorno come l’eroe ferito ma amato dai fan, accompagnato da un’altra standing ovation.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

1 × tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.