Quando il Giappone fece innamorare gli States con il baseball

La prima partita di baseball professionistica giapponese si è svolta non a Tokyo, non a Osaka, o anche in Giappone, ma in una piccola città nel nord-est del Kansas.

Nel 1906 gran parte degli Stati Uniti era affascinata dal Giappone e da tutte le cose giapponesi. Il Giappone era appena emerso come l’improbabile vincitore della guerra russo-giapponese e l’anno prima il club di baseball della Waseda University aveva girato in tourneè per la costa occidentale. Guy W. Green, il proprietario del Nebraska Indians Baseball Club, aveva deciso di trarre vantaggio dall’attrazione per l’Estremo Oriente creando una squadra di baseball tutta giapponese per lanciarsi nel Midwest. Sarebbe stata la prima squadra professionale giapponese su entrambe le sponde del Pacifico.

L’inizio del ventesimo secolo fu il periodo di massimo splendore del baseball. Squadre indipendenti attraversavano il paese giocando in grandi città. C’erano tutte squadre femminili, squadre di soli uomini grassi, club di uomini con la barba e squadre composte da etnie “esotiche”. Queste squadre indipendenti erano spesso chiamate “semi-professionali” per differenziarle dalle squadre del baseball organizzato (club formalmente associati alla Major League Baseball), ma erano formazioni davvero a livello professionale. Le squadre firmavano contratti con i giocatori, pagavano gli stipendi durante la stagione, fornivano trasporto e alloggio, oltre ad avere organizzato un sistema di ticketing per le partite ed erano intenzionate a realizzare un profitto.

Sebbene Green affermasse di aver “setacciato l’impero [giapponese] per i migliori giocatori ottenibili”, non fece nulla del genere. All’inizio del 1906 Green incaricò Dan Tobey, capitano degli indiani del Nebraska, di formare una squadra di immigrati giapponesi che vivevano in California. I giocatori si riunirono il ​​15 marzo a Havelock, Nebraska, per due settimane di prove. Presto divenne evidente che non tutte le sue reclute erano abbastanza forti da giocare in una squadra indipendente professionale, così Green e Tobey decisero di rafforzare il roster con i nativi americani, sperando che la maggior parte degli spettatori non fosse in grado di capire la differenza.

La formazione iniziale comprendeva cinque giapponesi: Toyo Fujita, uno scrittore per il quotidiano Rafu Shimpo, in prima base; Tetsusaburo Uyeda dalla Prefettura di Yamaguchi al secondo; Ken Kitsuse, 21 anni, di Kagoshima in breve; e Umekichi “Kitty” Kawashima di 21 anni di Kanagawa e un uomo identificato solo come Naito in campo esterno. Il manager Dan Tobey e il veterano del Nebraska Sandy Kissell erano i lanciatori mentre scendevano in campo in difesa nei loro giorni di riposo. Seguin, un altro membro degli Indiansdel Nebraska, era il ricevitore. Roy Dean Whitcomb, un diciottenne caucasico di Lincoln, di solito giocava in terza base sotto il nome di Noisy, mentre un uomo conosciuto solo come Doctor giocava solo se necessario.

La sera del 13 aprile, la squadra giapponese di Green lasciò Havelock e si diresse a sud per iniziare un tour di venticinque settimane che avrebbe coperto oltre venticinquemila miglia attraverso Nebraska, Kansas, Oklahoma, Texas, Arkansas, Indiana, Illinois, Iowa e Missouri. La loro prima tappa era Frankfort, una piccola città di circa 1.400 persone nel nord-est del Kansas, dove avrebbero giocato contro la squadra delle scuole superiori della città.

Prima della partita, Guy Green inviò materiale promozionale e inondò i giornali locali con pubblicità e comunicati stampa. A quel tempo, c’erano così pochi giapponesi che vivevano nel Midwest che molti agricoltori rurali non avevano mai visto un giapponese. Quindi, la pubblicità di Green puntava ad enfatizzare l’estraneità dei giocatori e l’unicità della squadra. Un tipico annuncio diceva: “La [squadra] di Green è l’organizzazione di baseball più innovativa che il mondo abbia mai conosciuto. Ogni giocatore è un autentico giapponese. Nessuno di loro sa parlare una parola di inglese. Fanno tutto il loro coaching in giapponese ed è sicuramente il giapponese più giapponese che tu abbia mai ascoltato. “

Giocando sul fascino del pubblico per la guerra russo-giapponese, Green aveva anche inventato sfondi immaginari per i suoi giocatori. Un articolo del 13 aprile 1906 sulla Frankfort Review osservava: “Uno dei membri più interessanti della squadra di baseball giapponese di Green è Kitsuse, che lasciò la scuola in Giappone per prestare servizio durante l’ultima grande guerra con il Giappone. È stato ferito alla gamba sinistra a Mukden così gravemente che è stato costretto a tornare a casa e anche se zoppica leggermente. Kitsuse, tuttavia, emigrò in California l’8 giugno 1903, quasi due anni prima della battaglia di Mukden del 1905.

Domenica 15 aprile le due squadre si incontrarono su un campo appena fuori città. Non c’erano tribune o gradinate: gli spettatori sedevano e stavano in piedi su una banchina rialzata che circondava il diamante. I liceali sono scesi in campo in divise rosse e grigie nuove di zecca, appena arrivate un paio di giorni prima. La squadra giapponese indossava pantaloni bianchi che arrivavano appena sotto le ginocchia, larghe cinture di pelle, calze marrone, magliette marroni e una maglia bordeaux con colletto alato con “Verdi Japs” cuciti in stampatello bianco sul petto. I cappelli erano bianchi con strisce marroni.

Poiché il liceo aveva solo 41 studenti, la partita sarebbe dovuta essere una vittoria facile per la squadra indipendente di Green. Forse vedendo il gioco come un’opportunità per consentire ai suoi giocatori più deboli di acquisire esperienza, Tobey iniziò il match con una formazione prevalentemente giapponese. Ma Tobey aveva sottovalutato l’asso adolescente, Fairfield “Jack” Walker, di appena 15 ani, che sarebbe poi andato a lanciare per l’Università del Kansas nel 1911-12 e professionalmente nella Classe D Nebraska State League e nella Eastern Kansas League. Sebbene fosse un bambino tranquillo, il giornalista che seguì la partita notò che “quando gioca Walker sfoggia un sorriso perpetuo che fa impazzire molti battitori perché pensano che stia ridendo di loro”.

Oltre a Walker, la formazione della scuola era composta da George Moss dietro il piatto; un ragazzo inizialmente identificato solo come Russell; Harold Haskins in seconda; Willis Cook in terza base; Leo Holthoefer in interbase; e Robert Barrett, John McNamara e Walker (nome sconosciuto) come esterni.

Gli studenti passarono in vantaggio per 4-1 dopo tre inning, costringendo Tobey a portare ciò che il Marshall County Index chiamava “cinque giocatori professionisti americani”. Gli ospiti reagirono, segnando in ogni inning dopo il secondo, fino a vincere 11-8. Il Frankfort Review riportò così: “Un gran numero di persone ha assistito al gioco e lo dichiarano uno dei migliori match mai disputati qui”.

La quasi sconfitta contro gli scolari confermava l’opinione di Tobey secondo cui molti dei suoi giocatori giapponesi non avevano abbastanza talento per una squadra indipendente. La squadra giapponese di Green sarebbe rimasta in viaggio fino al 10 ottobre, giocando circa 170 partite e vincendo 122 delle 142 partite di cui sono noti i risultati, ma non c’è traccia della squadra che utilizzi di nuovo una formazione titolare tutta giapponese.

Nonostante il lungo tour e l’unicità del club, The Sporting News, così come i grandi giornali di mercato a New York, Washington e Los Angeles, non coprirono o menzionarono affatto la squadra giapponese di Green. Di conseguenza, i primi giocatori giapponesi professionisti ebbero scarso impatto sulla scena del baseball nazionale o internazionale e vennero presto dimenticati. Ma il tour aveva segnato i veri inizi del baseball nippo-americano. Dopo la stagione, i giocatori tornarono sulla costa occidentale per formare club di baseball giapponesi indipendenti. La squadra giapponese di palla base del Mikado di Denver si sarebbe esibita in Colorado e Kansas nel 1908, mentre la Nanka di Los Angeles avrebbe giocato a livello amatoriale prima di cambiare il suo nome in Japanese Base Ball Association e diventare una squadra di indipendente nel 1911. Queste squadre contribuirono a generare numerosi club giapponesi poiché il baseball è diventato parte integrante della comunità e della cultura nippo-americana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.