Premier League: vincono i tifosi, biglietti fissi a 30 sterline in trasferta

Prezzi dei biglietti delle partite di Premier League fissati a 30 sterline (38 euro circa) per i tifosi in trasferta: è la vittoria molto importante ottenuta dalle organizzazioni dei tifosi inglesi dopo le proteste delle ultime settimane.

Il limite che varrà per le prossime tre stagioni, è stato fissato dopo una trattativa che ha visto i clubs dei tifosi istituire la Twenty’s Plenty campaign, ovvero la campagna per il biglietto a 20 sterline (massimo). Nella mattinata odierna, dopo una conference call tenuta dall’amministratore delegato della Premier League Richard Scudamore, si è arrivati a dirimere la questione in seno alla trattativa che ha visto la chiusura del contratto dei diritti TV, pari a 5.14 miliardi di sterline.

caro-biglietti-inghilterra-striscione

Il calmieramento, ottenuto su iniziativa esclusivamente dei tifosi, giunge in un periodo storico ed economico che vedeva sempre più gli strati popolari allontanarsi dagli stadi. Uno studio sugli 11 clubs che dalla stagione 1995-96 hanno sempre militato in Premier, ha evidenziato come il rincaro dei tagliandi sia stato ben maggiore dell’inflazione.

Ad esempio il costo per vedere un match nel settore ospiti dell’Arsenal è passato in 20 anni da 11,50 sterline a 64 ! Inferiore, ma comunque ingente, anche l’aumento per andare a vedere il Manchester City (da 11 a 56) mentre per il Southampton si è trattato di un passaggio più lieve (!?), da 17 a 42 sterline pari a circa il 250%!

Ovviamente, per i clubs ora il calcolo è presto fatto: se un biglietto per il settore ospiti costerà 30 sterline, moltiplicato 19 partite, permetterà di conoscere in anticipo gli incassi, pari a 570 sterline annue. Inoltre, è stato anche trovato l’accordo che la responsabilità del settore ospiti sarà a carico del club di casa, permettendo così di risolvere in anticipo qualunque problema di ordine pubblico.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

7 + venti =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.