Premier League: la classifica degli stipendi delle squadre 2016-17

Manchester City primo, Manchester United secondo: la classifica delle squadre più pagate della Premier League 2016-17 non è di per sè sorprendente; se è tuttavia sbagliato associare la parola spesa a rendimento, a farla da padrone sono le due squadre di Manchester, in termini di ingaggi per i propri calciatori.

I Citizens di Mister Guardiola sono la compagine inglese più spendacciona, con un monte stipendi pari a circa 260 milioni di euro, la cifra più alta del bilancio degli ultimi quattro del club biancoazzurro. A ruota seguono i Red Devils di Mourinho: il club dell’Old Trafford ha visto uscire dalle casse sociali circa 254 milioni. Sul terzo gradino del podio, il Chelsea di patron Abramovic ha speso per il suo roster ben 218 milioni di euro, facendo felice il tecnico Antonio Conte.

E sul fondo della classifica? Il neo promosso Hull City, angustiato da problemi societari già all’inizio di stagione, spenderà soltanto 28 milioni in tutta la stagione, nettamente distanziato dai Top Team, ma che rimane comunque una cifra impensabile per le casse di un medio-basso club della nostra Serie A.

No squadra  2016-17  2015-16  2014-15 2013-14
1 Manchester City £225m £193.8m £205m £216m
2 Manchester United £220.8m £203 m £215.8m £187m
3 Chelsea £218m £215.6m £192.7m £190m
4 Arsenal £200.5m £192m £180.4m £166.4m
5 Liverpool £165.6m £152m £144m £140m
6 Tottenham £121.2m £110.5m £100.4m £112m
7 West Ham United £79.8m £69.5m £63.9m £60m
8 Leicester City £66m £48.2m  £36.6m
9 Everton £83m £74.7m £69.3m £66m
10 Stoke City £75.9m £72.3m £60.6m £55m
11 Sunderland £68.3m £71m £69.5m £55m
12 West Bromwich £65m £68.5m £65.4m £49m
13 Southampton £63.6m £59.5m £55.2m £47m
14 Swansea City £59m £51m £48.1m £55m
15 Crystal Palace £55m £54.3m  £45.7m
16 Watford £41m £29m
17 Bournemouth £34m £25m
18 Burnley £33m
19 Middlesbrough £34m
20 Hull City £25m

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.