Philip John Noel-Baker: olimpionico e Nobel per la Pace

Per un atleta, essere una medaglia olimpica è una delle più grandi conquiste possibili. Per un politico, essere un premio Nobel per la pace è un’impresa solo per pochi. Oggi vi parlerò di una persona che ha raggiunto entrambi. È Philip John Noel-Baker.

Il 1 novembre 1889, Philip John Noel-Baker nacque a Brondesbury Park, Londra. Era il sesto figlio dei sette della coppia formata dal canadese Joseph Allan Baker, ingegnere e politico del Partito Liberale, e dalla scozzese Elizabeth Balmer Moscrip.

Ebbe l’opportunità di studiare a Cambridge, dove ha avuto i primi contatti con l’atletica. Era anche presidente del Cambridge University Athletic Club.

Nel 1912 partecipò alle sue prime Olimpiadi, a Stoccolma, nelle gare degli 800 e dei 1500 metri . In quest’ultima distanza fu finalista. Nella prima guerra mondiale si trovò invece in Francia e in Italia, come autista di ambulanze.

Nel 1920, già nella sua maturità da atleta, partecipa ai Giochi di Anversa come portabandiera della squadra britannica. Gareggia anche nell’800 e nel 1.500. In questa distanza ottiene la medaglia d’argento, giungendo alle spalle del connazionale Albert Hill. Quattro anni dopo sarebbe andato come capitano ai Giochi di Parigi, ma senza gareggiare.


Al di fuori dell’aspetto sportivo, Noel-Baker ha vissuto a stretto contatto con la fondazione della Società delle Nazioni, poiché era assistente del suo primo segretario generale. Nel 1924 fu nominato capo delle relazioni internazionali presso l’Università di Londra, carica che mantenne fino al 1929, anno in cui fu eletto deputato del Partito laburista.

Nel 1937 fu eletto membro del Comitato Esecutivo Nazionale del Partito Laburista e durante la Seconda Guerra Mondiale ricoprì la carica di Segretario parlamentare del Ministero dei Trasporti bellici e successivamente Ministro degli Affari Esteri. Dopo la guerra è stato Segretario di Stato per l’Aria e Segretario di Stato per i rapporti con il Commonwealth.

Nel 1948 assunse la guida dell’organizzazione dei Giochi Olimpici di Londra. Poi è stato Ministro dell’Energia e del Carburante. Ha fatto parte della delegazione britannica che ha partecipato alla fondazione delle Nazioni Unite ed è stato Segretario generale del Partito laburista. Negli anni ’50 si batté attivamente per il disarmo nucleare multilaterale, sforzi per i quali nel 1959 fu insignito del Premio Nobel per la Pace per il suo impego in favore del disarmo mondiale. Nel 1977 venne nominato barone continuando il suo attivismo anti-nucleare fino alla sua morte, avvenuta l’8 ottobre 1982 a Westminster.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

13 − due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.