Perchè gli juventini si chiamano gobbi?

Il gobbo, secondo la smorfia, è un soggetto portafortuna se gli viene toccata appunto la schiena curva. Sebbene per lui sia una sofferenza, per chi crede alla scaramanzia non è mai un male trovarselo di fronte ed appunto, leggermente con la mano, toccargli la gobba.

Allora perché nel calcio, i calciatori della Juventus, una delle squadre più amate ed odiate al tempo stesso, vengono soprannominati gobbi? Qual’è l’origine di questa particolare definizione?

La motivazione va ricercata nella storia del club piemontese e risale agli Anni 50, precisamente alla stagione 1956/57. La società, in mano da tempo della famiglia Agnelli, vide all’inizio di quell’annata l’investitura ufficiale di un giovanissimo Umberto Agnelli alla presidenza mentre in campo, a guidare i bianconeri, vi era già una delle bandiere del club, Giampiero Boniperti.

Ma ciò che ci interessa in particolare da vicino, è che in quell’annata venne scelta come divisa ufficiale una maglietta che, per il tessuto scelto e la curiosa forma, ricordava molto più una camicia che una tradizionale maglia di calcio.

Infatti, lo scollo a V molto pronunciato sulla parta frontale, faceva si che, quando i calciatori correvano, l’aria che entrava faceva gonfiare la maglietta sulla schiena, portando quindi alla creazione di una vera e propria gobba.

Juventus: tutte le maglie

Juventus 1956/57 rosa

Ruolo Giocatore
P Giuseppe Romano
P Giuseppe Vavassori
P Giovanni Viola
D Angelo Caroli
D Giuseppe Corradi
D Bruno Garzena
D Enzo Robotti
C Piero Aggradi
C Umberto Colombo
C Flavio Emoli
C Antonio Montico
C Cesare Nay
C Guglielmo Oppezzo
A Lelio Antoniotti
A Giorgio Bartolini
A Giampiero Boniperti (capitano)
A Raúl Conti
A Carlo Dell’Omodarme
A Secondo Donino
A Kurt Hamrin
A Guerrino Rossi
A Gino Stacchini
A Giorgio Stivanello
A Romano Voltolina

Juventus 1956/57: video 

Juventus 1956/57 risultati

  • 9° posto in classifica
  • 33 punti
  • 11 vittorie
  • 11 pareggi
  • 12 sconfitte
  • 54 goals fatti
  • 54 goals subiti
Davide Bernasconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.