Olimpiadi: la Vittoria di Mennea sui 200 metri a Mosca 1980

Pietro Mennea fu la Freccia del Sud non a caso: primatista del mondo nei 200 metri piani, record stabilito alle Universiadi di Città del Messico 1979 con il tempo di 19′ 72″”, il barlettano seppe stabilire una vera e propria impresa nella finale delle Olimpiadi 1980, quando recuperò nella finale, sul rettilineo conclusivo, un distacco che pareva impossibile.

Se i Giochi Olimpici di Mosca 1980 erano privi del blocco occidentale, in primis gli atleti degli Stato Uniti d’America, per Mennea gli avversari erano di primissimo livello. E forse, l’eliminazione in semifinale nei 100 metri, seppe dargli quello stimolo nervoso in più che gli servi per rimontare e battere l’inglese Allan Wells. Terzo fu il giamaicano  Don Quarrie, campione in carica.

Riviviamo con il commento dell’indimenticabile Paolo Rosi l’impresa che l’uomo del Sud seppe regalare in una serata d’estate, l’incancellabile vittoria di Mennea sui 200 metri alle Olimpiadi di Mosca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.