Milan-Inter vista da Abantuono

E’ stato il film sul calcio, perchè è stato il primo in assoluto nella storia della cinematografia italiana a parlare del fenomeno ultras e lo ha fatto, per gli anni 80, nella maniera più artigianale possibile, quando la passione per lo sport più popolare vedeva, nelle città del nord, i meridionali emigrati dal sud legarsi affettivamente e non solo agli squadroni delle metropoli come Milano e Torino, a volte come forma di riconoscenza, altre come effetto di volersi sentire parte integrante.

Non era strano allora sentire gli uomini provare a parlare in dialetto, volendo staccare quel cordone ombelicale con la madre patria, in senso largo, perchè non solo lavorare nelle fabbriche delle grandi aziende era un senso di sentirsi integrati, ma anche accettare e sposare i colori delle squadre di calcio era un modo per riuscire a fare un balzo nella società.

Eccezzziunale… veramente sarà il connubio perfetto e la realizzazione in pratica di quello che stava avvenendo. Il discorso di Diego Abantantuono, alla domenica mattina, in veste di ras della Fossa, ai suoi accoliti, è l’incipit di quello che non sarà mai (allo stadio), ma solo il momento iniziale della vera integrazione fra Nord e Sud.

Ed era la mattina di quel Derby, sebbene negli Anni 80 le squadre milanesi rimasero ai margini, in termini di successi, del grande calcio.

Se poi volete sapere come andò quel Derby nel film, beh, seguitemi che da qui a domenica ci saranno altre puntate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.