Leandro Grimi: l’argentino che prometteva di essere il nuovo Maldini

Maldini è il mio modello, magari un giorno potrei essere come lui. Sono un difensore laterale che va in attacco e se Dio vorrà potrei diventare il nuovo Maldini”. Così si presentò ai suoi nuovi tifosi ed alla stampa il difensore argentino Leandro Grimi, atterrato all’aeroporto di Malpensa alle 7.15 di mattina del 28 dicembre 2006.
Il terzino sinistro arriva dal club argentino del Racing Avellaneda; ad appena 21 anni sbarca in Europa, sicuro di poter avere successo fin da subito. Firmerà il contratto con la società rossonera poche ore dopo, ma l’argentino parla già da rossonero: “Tutto il mondo conosce il Milan e suoi giocatori, a chiunque piacerebbe essere qui” dichiarò gagliardo ai microfoni di Sky. La storia però, sarà assai diversa, non invece per i rossoneri in quella stagione.

Il debutto arriva ben presto, scendendo in campo come titolare per la Coppa Italia l’11 gennaio 2007 contro l’Arezzo, guarda caso guidato in panchina da Maurizio Sarri. Curiosamente quella risulterà essere l’ultima vittoria conseguito contro un’avversaria allenata dal tecnico toscano. Misteri della fede.

Poi, con l’arrivo della primavera, fra aprile e maggio gioca appena 97 minuti complessivi tra Ascoli, Udinese e Reggina. Nel frattempo il Milan, grazie alla doppietta di Pippo Inzaghi, si porta a casa la sua settima ed ultima Coppa dei Campioni e per il buon Leandro, sebbene non vedrà mai il campo nella competizione europea, avrà l’onore di poter festeggiare salendo sul famoso pullman scoperto che farà il giro della metropoli meneghina.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Leandro Grimi (@leandrogrimi)

Finita la stagione, in maglia Milan è chiuso ancora dai big e per i rossoneri diventa più interessante mandarlo in prestito a farsi le ossa, nella speranza che possa crescere. A luglio 2007 si trasferisce in Toscana al Siena, allora in serie A. Appena 6 mesi e poi altro passaggio, stavolta con lo Sporting Lisbona. Poco cambia, se non il fatto che il Milan riesce pure a farci un plusvalenza di circa 2.5 milioni di euro, piuttosto meglio che niente come dicono a Milano.

Arriva in Belgio al Genk, esperienza da dimenticare con sole 2 presenze e biglietto di ritorno in patria, cominciando a girovagare fra diverse squadre, ma rimanendo sempre nella serie A argentina.

Non ha mai vestito la casacca dell’albiceleste e dubitiamo che a 35 anni (aprile 2020) avrà ancora una speranza.

Leandro Damián Marcelo Grimi nato a San Lorenzo, Argentina, il 9 febbraio 1985

In possesso di doppio passaporto italiano e argentino.

Squadre di club
2004-2005 Huracán Huracán 63 (10)
2006-2007 Racing Club Racing Club 11 (1)
2007 Milan Milan 3 (0)
2007 → Siena Siena 13 (0)
2008-2011 Sporting Lisbona Sporting Lisbona 44 (1)
2011-2012 → Genk Genk 2 (0)[1]
2012-2014 Godoy Cruz Godoy Cruz 35 (4)
2014-2018 Racing Club Racing Club 65 (1)
2018-2019 Newell’s Old Boys Newell’s Old Boys 0 (0)
2020- Huracán Huracán 0 (0)

Palmarès
Competizioni nazionali
Coppa del Portogallo: 1 Sporting Lisbona: 2007-2008
Supercoppa di Portogallo: 1 Sporting Lisbona: 2008
Campionato argentino: 1 Racing Club: 2014
Competizioni internazionali
Champions League: 1 Milan: 2006-2007

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.