Le frasi famose di Paolo Bettini

Paolo Bettini è l’ultimo dei campioni italiani di ciclismo nelle gare di un giorno. Il Grillo, il suo soprannome in corsa per il modo di affrontare le gare, ha praticamente vinto tutto: 2 Mondiali, Olimpiade 2004, 1 Sanremo, 2 Liegi-Bastogne-Liegi, 2 Lombardia, 1 Amburgo, 1 San Sebastian, poi, sceso di bici, è divenuto commissario tecnico azzurro per un quadriennio (2010-2013) senza medaglie sostituendo il povero amico Franco Ballerini.

Lasciato l’azzurro in cerca di fortuna personale, è rimasto beffato dal pilota di formula 1 Alonso con cui era in trattativa per il lancio di una formazione. Ma sappiamo bene che la grinta del toscano non si affievolisce, ben presto lo rivedremo in ammiraglia, pronto a dar consigli e a stimolare i suoi corridori.

La frasi famose di Paolo Bettini

Adesso sì la mia carriera è perfetta. [Dopo la vittoria al Mondiale di Salisburgo]

Battere in volata Zabel e Valverde è una grande soddisfazione. E anche vedere Zabel felice per me. Lui è il ciclismo. Spero non smetta e vinca un mondiale.

L’Olimpiade resta l’emozione più grande, perché vincere i Giochi ti proietta oltre il mondo del ciclismo.

Più che il paragone con la nazionali di Lippi, mi piace quello con l’Italia del 1982.

Programmo ogni cosa, poi cambio tutto.

(parlando del progetto di squadra con il pilota spagnolo) Con Alonso com’era cominciata?  Rapidamente, è l’avverbio giusto.

“Vista con gli occhi di adesso che l’ho preso in tasca…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.