La storia della prima bici (al mondo?) che nacque in Russia

Mentre l’invenzione del velocipede sotto forma di laufmaschine (macchina per correre letteralmente) di Karl Drais è accettata come il primo veicolo a propulsione umana a due ruote, l’invenzione originale della bicicletta a pedali è oggetto di dibattito. Esistono affermazioni non documentate di una bicicletta a pedale e asta progettata da Kirkpatrick MacMillan negli anni ’30 dell’Ottocento. Un collega scozzese, Gavin Dalzell di Lesmahagow, avrebbe venduto una bicicletta a pedali di sua progettazione nel 1846. Mentre la prima bicicletta con trazione posteriore documentata fu costruita da Thomas McCall, anch’egli scozzese, nel 1869. L’invenzione di McCall, tuttavia, ha postdatato i progetti a trazione anteriore di Pierre Lallement ed Ernest Michaux, che risalgono al 1863-1866.

Una rivendicazione precedente, sebbene contestata, per l’invenzione della bicicletta a pedali proviene dalla Russia, circa sedici anni prima del primo giro documento di Drais sulla sua laufmaschine. Yefim Mikheyvich Artamonov, figlio di un servo falegname e bottaio, Mikhey Artamonov, nacque a Pozhevskaya Zavod nel 1776 e crebbe assistendo suo padre nel suo lavoro. Nel 1790, Mikhey Artamonov fu inviato a Starutinsky sul fiume Chusovaya per lavorare alla costruzione di chiatte. A Yefim, che accompagnava suo padre, veniva spesso richiesto di fare il lungo viaggio di andata e ritorno a Nizhny Tagil e tornare indietro per raccogliere elementi di fissaggio in metallo dalla fabbrica di proprietà dell’uomo d’affari Demidov.

Forse questo lungo viaggio, fatto a piedi, ha gettato i semi di un’idea nella mente del giovane Artamonov. Nel 1800 creò scalpore per le strade di Ekaterinburg quando il giorno dei santi di Elia il Profeta (20 luglio secondo il calendario giuliano) guidò uno scooter di metallo di sua stessa costruzione passando per la città, causando costernazione tra i cavalli in arrivo che causarono ferite ai pedoni. Artamonov venne picchiato con le verghe per il danno provocato.

Castigato, ma non scoraggiato, Artamonov decise di costruire quella che alcuni sostengono essere la prima bicicletta in metallo al mondo, composta da due ruote, con la ruota anteriore che è due o tre volte più grande della posteriore. Le ruote erano collegate da un telaio metallico curvo e azionate da pedali fissati alla ruota anteriore. Il tutto pesava circa 45-60 chili.

L’assassinio dello zar Pavel I per mano di cospiratori offrì alle autorità locali di Nizhny Tagil un’opportunità per congratularsi e sorprendere il nuovo zar, Aleksandr I, in modo nuovo. Il 9 maggio 1801, Artamonov partì per San Pietroburgo in bicicletta, passando per Perm e Kazan, solo per scoprire, raggiunta la capitale imperiale, che l’incoronazione di Aleksandr si stava svolgendo a Mosca presso la Cattedrale della Dormizione, il luogo tradizionale per l’incoronazione dello Zar dall’incoronazione di Ivan III nel 1502

Pedalando in maniera intensa, con questo viaggio Artamanov divenne il primo ciclista e il primo cicloturista, raggiungendo Mosca in tempo per l’incoronazione di Aleksandr il 15 settembre 1801. Lo zar appena incoronato fu impressionato dall’invenzione di Artamanov, premiandolo con 25 rubli e togliendo Yefim e la sua famiglia dalla servitù. La bicicletta stessa fu inserita nella collezione imperiale e Artamonov tornò a casa, presumibilmente per godersi la sua libertà recentemente conquistata.

La bicicletta a pedali venne inventata per la prima volta da un servo russo? Sfortunatamente, non ci sono prove documentali contemporanee a sostegno dell’affermazione. Né sembra esserci alcuna prova contemporanea che Artamonov sia apparso davanti allo zar Alexandr durante la sua incoronazione e sia stato liberato dalla servitù. La prima menzione attestata di Artamonov viene da VD Belov, uno storico degli Urali e membro di una famiglia di dipendenti ereditari delle fabbriche di Nizhny Tagil, in A Historical Sketch of the Ural Mining Plants pubblicato nel 1896. Diversi dettagli su Artamonov, come poiché il suo nome e patronimico, la data della sua nascita e morte, le altre sue invenzioni e il nome e l’occupazione di suo padre, sembrano essere aggiunte successive alla storia del XX secolo.

I test metallurgici effettuati negli anni ’80 su una bicicletta che si presumeva fosse quella di Artamonov, che è stata registrata per la prima volta nel museo di Nizhny Tagil nel 1923 ed è ora nella collezione del Museo storico e tecnico della casa di Cherepanov, hanno concluso che la bicicletta era stata costruito dopo il 1876 e somigliava molto ai progetti di biciclette britanniche di quel periodo, come la Starley Ariel.

L’invenzione della bicicletta da parte di Artamonov nel 1801 rimane non dimostrata a causa della mancanza di prove contemporanee. Insieme ad altre affermazioni non documentate della prima metà del XIX secolo, deve essere trattata con cautela. Con questo non si vuole affermare categoricamente che la storia dell’invenzione di Artamonov sia completamente priva di fondamento. In una lettera a P. N. Potanin, Belov scrisse che durante la ricerca di un altro libro aveva raccolto il folklore locale. È possibile che la breve menzione di Artamonov da parte di Belov in A Historical Sketch of the Ural Mining Plants sia stata ottenuta in modo simile. Senza che vengano alla luce ulteriori prove conclusive, l’affermazione di una prima invenzione russa della bicicletta deve, tuttavia, rimanere nel regno delle congetture, piuttosto che dei fatti storici comprovati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.