La prima corsa automobilistica della storia: un solo concorrente!

Il 28 aprile 1887 nacque la prima corsa automobilistica della storia, seppure l’automobile fosse ancora nella fase di sperimentazione’idea di una corsa venne lanciata dal giornalista francese Paul Faussier, direttore del settimanale Le Velocipede, che invitò a partecipare tutti gli interessati che fossero già proprietari delle allora rivoluzionarie scatole di ferro.

Sebbene Faussier fosse moderatamente ottimista, il suo sognò sembrò svanire all’improvviso il giorno della corsa: un solo pilota si era presentato ai nastri di partenza.

Si trattava di Goerges Bouton, comproprietario di una fabbrica di motori assieme al socio Albert de Dion. Una moltitudine si era riunito per osservare la prova, la maggioranza era accorsa solo per osservare da vicino quelle strane carrozze che avevano i cavalli non in carne ed ossa ma all’interno della carrozzeria.

La prima auto “agonista” in realtà era un quadriciclo di vapore costruito presso la fabbrica dei due soci, a cui era stato applicato un piccolo generatore. Il percorso, interamente nel circondario di Parigi, andava dal Ponte di Neuilly al bosco di Boulogne, andata e ritorno per un totale di 32 chilometri.

Siccome non vi erano avversari per Bouton la corsa era unicamente contro il tempo e nei pressi del bosco, il pilota ebbe una sorpresa: numerosi spettatori si erano assiepati nell’attesa del passaggio, in postazioni che mettevano in pericolo la loro stessa incolumità.

Per fortuna la tragedia venne evitata, grazie alle prontezza di riflessi che permise di frenare il veicolo e di fare ritorno al traguardo. Il primo cronometrista della storia, un inglese, certificò in un’ora e 14 minuti il tempo impiegato, per la ragguardevole media di 26 km/h !!!

Da quel momento il mondo sportivo si sarebbe arricchito di un’ulteriore disciplina: il seguito pubblicitario che nacque in conseguenza dell’evento fu notevole.

Davide Bernasconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.