La maratona più veloce della storia

Vincere la maratona può essere un traguardo raggiunto dopo anni di sforzi ed intensi allenamenti, lasciando da parte ogni minima occasione per divertirsi e pensando unicamente a correre più veloci di tutti gli altri i 42 chilometri e 195 metri battendo migliaia di concorrenti che vorrebbero vedersi infilare la corona d’alloro sulla testa. Correre la Maratona rappresenta il momento massimo dell’atletica leggeram come quando Fidippide percorse la stessa distanza dalla città greca di Maratona ad Atene per annunciare la vittoria sull’esercito persiano, prima di morire per la fatica del viaggio di corsa.

L’evento mitico divenne un evento olimpico nei primi Giochi dell’era moderna di Atene nel 1896, ma fu solo ai Giochi olimpici di Londra del 1908 che venne stabilita la mitica distanza di 42 chilometri e 195 metri a seguito della distanza che esisteva tra Windsor e lo stadio White City di Londra.

Questa distanza della Maratona divenne la distanza ufficiale dopo il congresso IAAF di Ginevra nel 1921.

Questi dati sulla distanza sono molto importanti poiché da quel momento in poi i record della Maratona possono essere calcolati e confrontati in quanto è l’unico modo per garantire che sia stata percorsa la stessa distanza, anche se su questo tema ci sono molte sfumature come altitudine, altitudine, tipo del terreno, senza dimenticare il clima, a seconda che si corra al sud od all’estremo nord.

Questo è tanto importante quanto ci sono città chiave in cui i maratoneti possono battere il record di distanza poiché è dove di solito viene raggiunto, grazie al dislivello favorevole.

da profilo X ufficiale

Il keniano Dennis Kimetto ha corso la maratona più veloce della storia il 28 settembre 2014 di Berlino, realizzandola in 2 ore, 2 minuti e 57 secondi. Kimetto ha completato la maratona ad una media di 20,59 chilometri orari (5,72 metri/secondo).

Il prossimo orizzonte dell’essere umano che sembra ancora un po’ lontano da raggiungere sarà quello di scendere sotto le 2 ore sul percorso della maratona. Questione di tempo.

Davide Bernasconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.