La Grande Fuga: la lotta per non retrocedere Premier League 2004-05

La chiamarono The Great Escape, la Grande Fuga: questo il termine coniato in Inghilterra per descrivere la lotta in Premier League per non retrocedere che si verificò nella stagione 2004-05. Su quattro squadre invischiate fino all’ultimo turno, solo una poteva salvarsi e, per una volta, il numero 17 era il più ambito, valeva il Paradiso nella massima serie inglese per la stagione successiva.

Il 15 maggio 2005, giornata n° 38 ed ultima del torneo, la classifica si presentava in questo modo:

17° Norwich City 33 punti
18° Southampton 32 punti
19° Crystal Palace 32 punti
20° West Bromwich Albion 31 punti

Il calendario proponeva i seguenti confronti, tutti da disputarsi ovviamente in contemporanea:

Fulham vs Norwich City
Southampton vs Man Utd
Charlton Athletic vs Crystal Palace
West Brom vs Portsmouth

Per il Southampton (Saints) rimanere nell’elite del calcio britannico avrebbe significato disputare per la 27-esima volta consecutiva il massimo torneo, record per il club.

Al 10° del primo tempo si sbloccò il primo risultato: i Saints passarono in vantaggio contro lo United di Mr Ferguson, guadagnandosi la momentanea salvezza. Nemmeno il tempo di un respiro ed i Red Devils giunsero al pareggio. Tuttavia il Palace perdeva mentre i canarini del Norwich erano già al tracollo, seppelliti sotto una valanga di reti.

Il Southampton però era ancora sopra la linea di galleggiamento in virtù della miglior differenza reti, necessaria per dirimere la questione.

Dopo l’intervallo, il minuto 54 divenne il primo spartiacque: Crystal Palace pareggiò e volse a suo favore la differenza reti, sorpassando il Norwich mentre il WBA mestamente  rimaneva in 20-esima posizione.

Si era dunque in questa situazione:

17° Southampton 33 punti (GD: -20)
18° Crystal Palace 33 punti (GD -21)
19° Norwich City 33 punti (GD -32)
20° West Bromwich Albion 31 punti (GD -25)

Finalmente al 58° il West Brom sbloccò lo 0-0 grazie a Geoff Horsfield e Kieran Richardson raddoppiò al 75°, facendo scalare ai suoi i gradini necessari per toccare il 17° posto, che voleva dire la temporanea salvezza. Nel frattempo il Norwich era sotto per 4-0 mentre van Nistelrooy portava lo United in vantaggio nei confronti del Southampton al 64°.

figurina fortuneMa le emozioni non erano terminate: un rigore trasformato da Andrew Johnson del Palace diede ai londinesi il posto – salvezza, in questo modo gli ultimi 15 minuti promettevano scintille. Ed il minuto 82 fu profetico: Jonathan Fortune (mai cognome fu più azzeccato) pareggiò per il Charlton. Tre partite terminarono quasi in contemporanea:

Norwich venne travolto per 6-0.
Southampton perse 2-1.
West Brom vinse 2-0.

Un leggero ritardo, oltre ad alcune perdite di tempo, lasciava soltanto i londinesi del Palace in campo, a giocarsi gli ultimi palloni speranzosi. Per i tifosi del WBA i secondi parevano lunghi quanto un giorno fino a che la febbrile attesa….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.