Johnny Ekström: il bomber svedese di Empoli

La Svezia è una di quelle nazioni che ha saputo lasciare il segno nei massimi tornei europei e continentali, spesso a sorpresa. E l’Italia ha saputo accogliere i suoi campioni che sovente, una volta terminata la carriera, hanno deciso di rimanere a vivere nel nostro paese. Il giocatore che andremo a conoscere arrivare proprio dalla Scandinavia: è Johnny Ekström.

Chi era? Un attaccante svedese degli anni ’80 e ’90.

Perché è ricordato? Per essere una leggenda dell’IFK Göteborg degli anni ’80, internazionale con il suo paese ai Mondiali del 1990 e agli Europei del 1992 e per la sua breve esperienza al Real Betis, oltre al passaggio in Italia tra le fila dell’Empoli.

Che ne è stato di lui? Si è ritirato nel 1998 nelle file dell’IFK. Attualmente risiede a Göteborg, dove è un gestore di proprietà.

Lo sapevi che? Era in grado di giocare sia come centravanti che come ala.

– Per la sua velocità, era conosciuto come “il Källeback Express”.

– Quando vene firmato dall’Empoli nel 1986, divenne il giocatore svedese più costoso della storia.

– In Italia lo chiamavano Il Ciclone .

– Ha giocato in Francia con il Cannes, dove ha incontrato un giovane Zinedine Zidane.

– È stato in prestito per sei mesi al Betis nel 1994, in Seconda Divisione. Ha giocato sette partite e segnato due gol.

– Ha preso parte alla Coppa del Mondo 1990, dove ha segnato un gol nella prima fase contro il Costa Rica.

– Ha anche partecipato al Campionato Europeo 1992, giocato in Svezia.

– È stato capocannoniere del campionato svedese nel 1986.

– Misura 1,88 metri.

Biografia, palmares, statistiche: Johnny Douglas Ekström è nato il 5 marzo 1965 a Källeback, Svezia. Ha fatto il suo debutto professionale nel 1983 all’IFK, dove è rimasto fino al 1986. Quell’anno è andato all’Empoli, e un anno dopo è finito al Bayern Monaco. Dopo un anno in Baviera è andato al Cannes. Due stagioni dopo è tornato all’IFK, dove ha trascorso due anni. Nel 1993 passa alla Reggiana, che lo trasferisce nel 1994 al Real Betis. Nello stesso anno passò alla Dinamo Dresda e l’anno successivo firmò per l’Eintracht Francoforte. Dopo due stagioni, è tornato all’IFK per ritirarsi nel 1998. Nel suo palmares ha tre campionati e una Coppa di Svezia e una UEFA con l’IFk. Con il Bayern ha una Bundesliga. Con la Svezia ha giocato 47 partite e segnato 13 gol.

Ed infine, ecco il video di uno dei suoi goals più importanti in Serie A con la maglia dell’Empoli:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

due × tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.