João Rodrigo: quando la morte è tragedia

Il Brasile è un paese con un tasso di criminalità molto alto. Se a questo aggiungiamo il grande amore che c’è per il calcio, è relativamente comune che entrambi i concetti tavolta si mescolino. Il protagonista di oggi, purtroppo, ne è testimone. È João Rodrigo.

Joao Rodrigo Silva Santos nacque l’8 novembre 1977 a Rio de Janeiro. Ha esordito da attaccante nel 1996 nelle file del Bangu. I primi anni della sua carriera sono stati spesi in prestito a varie squadre, come l’Olimpia in Honduras, il Nacional de Sao Paulo, l’Atlético Sorocaba o il club svedese dell’Öster. Nel campionato di questo paese nordico ha giocato sei partite e segnato un gol .

Prontamente divenne il tipico giramondo. Tra il 2004 e il 2009 ha giocato in otto squadre. Nel 2010 è finito al Bonsucesso e poi non è riuscito a trovare una squadra. Nel 2013, sì, ha di nuovo trovato una posizione al Sampaio Correa nella sua nativa Rio de Janeiro. Questa sarebbe stata la sua ultima squadra.

Parallelamente, decise di avviare un’attività nel suo quartiere chiamata Força Natural. Era un negozio che vendeva prodotti dietetici, integratori sportivi e cibo sano. Joao Rodrigo fu oggetto di una rapina nella sua attività. Prese gli screenshot delle telecamere di sicurezza e pubblicò le immagini dei presunti rapinatori su Facebook chiedendo aiuto in modo che le persone potessero identificarli e denunciarli. Si rivelò essere un errore fatale.

Nella notte di lunedì 28 ottobre 2013, Joao Rodrigo ha chiuso la sua attività, ma non tornò a casa. La mattina seguente, intorno alle 5:30, sua moglie, Geiza Silva, trovò la borsa sportiva del marito davanti alla porta di casa. Aprendolo, trovò la testa di suo marito inorridita. Gli era stata tagliata la lingua e cavati gli occhi .

Poco dopo, la polizia trovò parti di un corpo vicino al fiume Guandu , nella cittadina di Queimados. I test confermarono che appartenevano a Joao Rodrigo. Sebbene in un primo momento si fosse pensato che si trattasse di un regolamento di conti di narcotrafficanti, le autorità erano sicuri sull’ipotesi che l’omicidio fosse legato alla rapina nell’azienda di Rodrigo e alla sua denuncia.

Per quanto si è potuto sapere, i responsabili non sono mai stati arrestati.

Bruno Santos, suo amico, dice: «Era un bravo ragazzo, che viveva per il calcio e che giocava fino a poco tempo fa. Gli avevano derubato il negozio e quando lo hanno rapito un mio amico ha visto tutto e mi ha chiamato. Lo hanno fatto salire su un’Astra nera eppure non aveva nemici».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.