Jimmy Greaves: il bomber che lottò contro l’alcol

E’ un calciatore il cui nome dovrebbe essere conosciuto da tutti coloro che amano il calcio anglosassone. È uno dei suoi giocatori più leggendari e sinonimo di goal. Stiamo parlando di Jimmy Greaves .

Il 20 febbraio 1940, James Peter Greaves nasce a Manor Park, Londra. Inizia a giocare a calcio da bambino, a scuola, quando lo scopre uno scout del Chelsea FC. Entra a far parte dei “blues” nel 1955, quando aveva solo 15 anni. Ben presto afferma le sue enormi abilità da capocannoniere e solo due anni dopo, a 17 anni, fa il suo debutto in prima squadra del Chelsea. È il 24 agosto 1957 e White Hart Lane, lo stadio del Tottenham, è il palcoscenico.

Greaves va in goal quel giorno e il punteggio finale è di 1-1. È significativo che il suo debutto e il suo primo gol siano arrivati ​​in quello stadio. Greaves non lo sapeva ancora, ma White Hart Lane sarebbe stata la sua vera casa per tanti anni, dove sarebbe poi diventato una leggenda.

Chiuse il suo primo anno al Chelsea come capocannoniere della squadra (22 gol in 37 partite). L’anno successivo (58/59) è il capocannoniere del campionato (32 gol in 44 partite). L’anno successivo segna 29 gol in 40 partite e l’anno successivo è di nuovo il capocannoniere del campionato con 41 gol in 40 partite. Queste cifre spettacolari contrastano con le stagioni discrete del Chelsea, con Greaves che addirittura diventa il giocatore più giovane della storia a segnare 100 gol in campionato (a 20 anni e 290 giorni) e di debuttare con la nazionale inglese, il 17 maggio 1957 contro il Perù, una partita in cui mise a segno anche un gol.

Nel giugno 1961, Jimmy Greaves venne acquistato dal Milan. Il prezzo pagato per il cartellino fu di £ 80.000. L’avventura andò male fin dall’inizio: Greaves non sembrava favorevole a lasciare l’Inghilterra. Il tecnico del Milan Nereo Rocco aveva metodi molto rigidi che gli davano poco spazio per la libertà e l’accordo non ci fu praticamente mai. Greaves ha segnato nove gol in 14 partite, di cui uno nel derby contro l’Inter. Comunque sia, decise di tornare in Inghilterra.

Nel dicembre 1961, Jimmy Greaves firmò per il Tottenham per £ 99.999 (il prezzo non fu casuale: i funzionari degli Spurs scelsero questa cifra per non fare pressione su Greaves per essere il primo £ 100.000 giocatore). Il giorno del suo debutto fece subito tripletta. Nel 62/63 è arrivato capocannoniere, con 37 gol in 41 partite. Inoltre, rese ancora più bella quella stagione con un titolo europeo: la Coppa delle Coppe. Il Tottenham superò l’Atlético de Madrid (campione dell’anno precedente) a Rotterdam 5-1, con due gol di Greaves. Fu la prima squadra britannica a vincere un titolo europeo. L’anno successivo, Greaves fu nuovamente incoronato capocannoniere del campionato inglese (35 gol in 41 partite) e si ripetè nuovamente nel 1965 (29 gol in 41 partite).

Nel 1966, Jimmy Greaves arriva come la grande stella della squadra inglese per giocare la Coppa del Mondo che si sarebbe svolta in Inghilterra. Aveva già giocato quella del 1962 ed era uno dei punti fermi per l’allenatore Alf Ramsey. Cominciò come titolare i match della prima fase, ma nella terza, contro la Francia, subì un grave infortunio al mento (causato dai tacchetti di un giocatore francese) che lo costrinse a ben 14 punti di sutura. Geoff Hurst ebbe il compito di sostituirlo nella partita successiva (quarti di finale), e da li in avanti Ramsey preferì non toccare l’undici fino alla finale. Di conseguenza, Jimmy Greaves non potè che assistere solo dalla panchina al successo inglese. A peggiorare le cose, le medaglie venivano assegnate solo agli undici giocatori che erano scesi in campo, quindi rimase a bocca asciutta. Quel giorno si rivelò uno dei più dolorosi della carriera di Greaves. e, a quanto pare, fu l’inizio del suo peggior problema: l’alcolismo.

Greaves lasciò il Tottenham nel 1970 con 220 gol in campionato, due FA Cup, due Charity Shields e una Coppa delle Coppe. Nel 1970 gli Spurs lo usarono nell’operazione per ingaggiare Martin Peters, dal West Ham, così Greaves continuò a giocare con gli Hammers. Il suo alcolismo peggiorò e fu licenziato dal club di Londra nel 1971. Cominciò a ingrassare e si allontanò dal campo. Beveva 20 pinte di birra e una bottiglia di vodka ogni giorno. Nel 1975 decise di provare a riprendersi e lo fece attraverso il calcio, in particolare nella categoria non professionale, con la maglia del Brentwood Town. Ma la sua dipendenza non si placò e nel 1977, dopo un episodio di “delirium tremens”, fu ricoverato in una clinica psichiatrica per cercare di disintossicarsi. Dopo alcuni anni in squadre non professionistiche, decise di lasciare il calcio nel 1979.

I media sono serviti a cambiare la sua vita. Era un editorialista per The Sun e un commentatore per diverse televisioni. Ha scritto diversi libri e attualmente tiene discorsi sulla sua carriera ad aziende o privati . Nel 2009, a proposito, la FA ha ottenuto dalla FIFA l’assegnazione di medaglie di campione del mondo a tutti i membri della squadra inglese del 1966. Tuttavia, mise all’asta poche settimane dopo il premio ottenenso in cambio 44.000 sterline.

Jimmy Greaves rimane il giocatore inglese con il quarto maggior numero di gol per la sua nazionale, il giocatore con il maggior numero di gol nella storia del campionato inglese e il giocatore che è stato proclamato capocannoniere più volte. Un nome, come puoi vedere, che vale la pena ricordare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.