Jamie Pollock l’autore del più bel autogoal della storia

Chiudiamo la settimana con un ex calciatore che forse non suona familiare ai più, ma che ha svolto il suo ruolo migliore in quella che, se fosse una commedia all’italiana, potrebbe essere la figura del marito cornuto. È Jamie Pollock, l’autore del miglior gol della storia che non fu altro che un autogol.

Jamie Pollock è nato il 16 marzo 1974 a Stockton-on-Tees (curiosamente in questa città di 80mila anime riposano le ceneri dell’attore italiano Renzo Montagnani e di suo figlio), in Inghilterra. Durante la sua carriera professionale ha giocato per il Middlesbrough, per gli iberici dell’Osasuna (ha giocato solo due partite nel 1996), per Bolton Wanderers, Manchester City, Crystal Palace e Birmingham City, dove si è ritirato nel 2001.

Oggi ha un’azienda di vetri a Middlesbrough e un’accademia di calcio.

Ma il vero motivo per cui Jamie Pollock è famoso è perché ai tempi al Manchester City, mise a segno un autogol che è considerato il più bello della storia del calcio.

Pollock oggi

Accadde nel penultimo round della stagione 97/98. Il City si stava giocando la retrocessione contro i Queens Park Rangers, che si trovavano nella stessa situazione. La partita veniva giocata a Maine Road, allora la casa del City. La partita era 1-1 e durante un’offensiva dei londinesi del QPR, Pollock intercettò la palla. Incomprensibilmente, colpì la sfera, permettendogli di superare un altro compagno di squadra e un avversario e, sorprendentemente, senza farla cadere, indirizzò il colpo di testa verso la sua rete, superando il suo compagno di squadra, il portiere gallese Martyn Margetson. Era 1-2. Il City avrebbe potuto pareggiare più tardi, ma quel risultato negativo finì per lasciarlo in balia di un miracolo nell’ultimo turno, che alla fine non si verificò.

Il Manchester City scese in seconda divisione (come è cambiata la storia da quel momento) e il QPR alla fine si salvò.

I tifosi della squadra londinese, con molto umorismo, definirono Pollock “l’uomo più influente degli ultimi 2000 anni” . Fortunatamente per lui, i fan del City non se la presero molto con lui.

E non possiamo non concludere con il video della sua “prestazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

1 + 16 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.