Il mistero di Dave Brown, il lanciatore scomparso nel nulla

Quando si parla di criminalità, ben difficilmente sci si avvicina al mondo dello sport, ma ogni tanto può accadere che alcuni diventino personaggi per il fatto di vivere sul filo del rasoio. La storia odierna risale quasi agli inizi del baseball, lo sport più popolare in America, che ha anche sfumature poliziesche. Il suo protagonista è Dave Brown.

Nato nella contea di Leon, in Texas, il 9 giugno 1895, David Brown si distinse sin dalla tenera età come eccellente lanciatore. Nel 1917 fece il suo debutto per i Dallas Black Giants della Negro League. Per quelli di voi che non lo sapevano, dalla fine del diciannovesimo fino a quasi gli anni 60, il baseball viveva una sorta di segregazione. I neri avevano il loro campionato con le proprie squadre. E sì, il nome era proprio così: Negro League.

Come dicevo, Brown giocava per la squadra di Dallas e già in quel momento iniziarono i suoi problemi con la legge, perché venne coinvolto in una rapina, ma Rube Foster, il manager dei Chicago American Giants, decise di pagare la sua cauzione e portarlo nell’Illinois.

Nel 1919 firmò con i Chicago American Giants , la squadra che dominò la Negro League nei primi anni 1920. Nell’inverno del 1922, Brown tentò la fortuna a Cuba e giocò per i Santa Clara Leopardos.

Nel 1923, si unì ai Lincoln Giants di New York. Quell’inverno tornò a Cuba, dove fu protagonista della fortunata stagione della squadra di Santa Clara.

Tornato a New York, già nel 1925, accadde qualcosa che cambiò per sempre la vita di Brown. Era il 27 aprile e Brown era in un bar con i suoi compagni di squadra Frank Wickware e Oliver Marcelle. I tre furono coinvolti in una rissa al bar, legata alla droga. Come risultato della lite, che andò ben sopra le righe, Brown uccise un uomo di nome Benjamin Adair . Dopo questo evento, Brown scomparve letteralmente dalla faccia della terra.

Ufficialmente, e nonostante gli sforzi dell’FBI, David Brown non venne mai più trovato. Un anno dopo quel triste episodio, si vociferava che ci fosse un lanciatore che giocava nel Midwest chiamato “Lefty” Wilson, e che in realtà si trattasse proprio di Dave Brown. Tale Wilson giocherà nel 1926 per i Gilkerson’s Union Giants e nel 1927 e 1928 in Minnesota.

Altre tracce si trovano in Iowa nel 1929 e di nuovo in Minnesota nel 1930. Proprio quell’anno si sparse un’altra voce: che David Brown fosse morto a Denver. Quel “Lefty” Wilson fu noto (in vita) almeno fino al 1938, ma non venne mai provato che fosse in realtà Dave Brown con un’altra identità. Il mistero continua ai giorni nostri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

due × 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.