Gli stadi senza un pezzo

Gli stadi con tre lati soltanto di spalti non sono poi così rari. Il Central Coast Stadium, sede dei Central Coast Mariners squadra della A-League., la prima serie di calcio dell’Australia vanta addirittura una splendida vista, facendo sicuramente cadere lo sguardo almeno una volta nel corso dei 90 minuti di una gara.

La Scozia, patria del calcio anglosassone e che vanta ancora la passione ed il fascino delle cose antiche, offre il Firhill di Partick Thistle con una parte aperta, sebbene un tempo si presentasse completo, dotato di una terrazza dalle dimensioni decenti. La compagine cittadina degli Hamilton Accies, che era solita condividere l’impianto, si è invece trasferita in un nuovo stadio che ha anch’essa un’estremità aperta, dove spesso un autobus a due piani viene parcheggiato nei pressi.

Ancora più particolare il Campo de Fútbol de Vallecas, sede del Rayo Vallecano, squadra della cintura di Madrid, con la sua parete permanente di cartelloni pubblicitari a un’estremità …

Chi ha avuto modo di seguire la compagine iberica, racconta aneddoti particolari. Direttamente dietro i ponteggi delle tribune, si trovano appartamenti che si affacciano sul terreno di gioco. Gli abitanti del luogo sono soliti “affittare” gli spazi dei balconi per le partite di cartello della Liga.

Leggi anche  Le squadre di calcio di Madrid

Ma si può sempre far meglio, come è il caso del Dumbarton FC, compagine scozzese e che vanta uno con una sola tribuna, una recinzione che corre attorno al campo ed un’incredibile roccia che sovrasta l’impianto.

Non manca nemmeno l’Estremo Oriente, con la Thailandia che può raccontare una vicenda particolare. Il BG Pathum United ha il Leo Stadium  come terreno di gioco, con soli tre lati di tribune, a cui manca uno stand su di un lato lungo. Il motivo è che per qualche ragione sconosciuta hanno costruito lo stadio vicino al bordo di un grande appezzamento di terra, per la precisione un vecchio impianto di imbottigliamento, BG sta per Bangkok Glass.

Un pò simile alle vicissitudini di cui soffre l’Oxford, squadra che milita in League One, ma nel cui impianto gioca anche il London Welsh di rugby. Dietro una delle due porte, c’è soltanto un grande parcheggio, pieno ovviamente quando la squadra di casa è impegnata.

Il motivo ? I “vicini” non sono niente di meno che un autosalone e che ben sapendo l’esigenza del club, vogliono parecchi soldi per cedere quella interessante porzione di terreno.

Leggi anche  Lo stadio più grande del mondo: Primo Maggio in Nord Corea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.