Gli stadi abbandonati: Longhorn Austin Texas

Nota per il GP di Formula 1 , Austin in Texas può vantare un circuito, tuttora abbandonato, che pareva negli Anni Settanta avere un futuro luminoso, il Longhorn Speedway.

Il quarto di miglia in asfalto ebbe diversi nomi attribuiti, passando da Austin Speed-O-Rama (o Speedorama per semplificare), Longhorn Speedway, Paramount Austin Speedway (Anni 70) e Bad Boyz Speed-O-Rama. Inoltre fu anche identificata come Lockhart Speedway, probabilmente per la vicinanza con l’autostrada, l’highway 183, nota con il nome Lockhart Highway.

Austin Speed-O-Rama venne inaugurata nel 1960 da A.B. Wusterhausen e suo figlio Louis Wusterhausen che la manager, che purtroppo morì in un incidente durante una corsa con la sua Camaro presso un circuito del Texas l’8 ottobre 1972.

Nel biennio 71-72, il cantante e presentatore TV Jerry K. Green affittò il circuito per farlo diventare sede delle gare NASCAR. Ma anche in questo caso il successo non arrise all’ovale di Austin: un dissesto finanziario dello stesso Green provocò l’abbandono del progetto.

Nel 1992 la pista venne definitivamente  chiamata Longhorn Speedway. Nel 2003 un ulteriore passaggio di proprietà in favore di Paul Miller, sembrava poter dare nuovo lustro al circuito. I necessari lavori di ammodernamento rendevano certa l’inaugurazione per la data del 4 luglio, giorno della Festa Nazionale. Ma alcune complicazioni sopraggiunte fecero calare nuovamente il palcoscenico.

Nel 2001, l’interessamento di Sandra Bullock per il tracciato fu solo estemporaneo: il successivo divorzio dal marito Jesse James non lasciò traccia se non nel web.

 

Stadi abbandonati: Non solo corse

L’utilizzo del circuito per concerti fu assai parziale, anche se ebbe l’onore di veder salire sul palco niente di meno che Janis Joplin.

austin texas corsa

Davide Bernasconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.