Galatasaray: la storia della maglia giallorossa

Una delle combinazioni di colori che risulta essere molto attraente nel calcio internazionale è quella del Galatasaray, con diverse combinazioni di giallo e rosso. Impariamo un po’ di più sulla storia della divisa di questo club.

La prima divisa della squadra fu una maglia rossa e pantaloni bianchi in omaggio ai colori nazionali, ma a causa della pressione politica venne cambiata con una maglia giallonera con due metà.

Questa divisa durò due anni, perché dopo una grave sconfitta, fu considerata un elemento porta sfortuna. Così, nel 1908, i dirigenti della squadra iniziarono a cercare le divise e lo stesso Ali Sami Yen, “padre del club”, raccontò che in un negozio di tessuti, il mercante mostrò loro un panno rosso scuro e un altro giallo tendente all’arancio. Secondo il fondatore del club, quando videro entrambi i tessuti insieme pensarono alla bellezza di un cardellino e alle fiamme ardenti , quindi decisero di adottare questi colori.

Il primo schema utilizzato fu quello che ha avuto più tradizione: maglia rosso-gialla in otto blocchi (quattro davanti e quattro dietro, contando le maniche, in modo che giallo e rosso si alternino sempre) e pantalone bianco. Più recentemente, i marchi che forniscono le divise del club si sono innovati e, ad esempio, in alcune stagioni la divisa si è presentata a righe verticali.

Il Galatasaray è, fino al 2021, l’unico club turco ad essere riuscito a vincere una competizione europea. Accadde nell’anno di grazia 2000, quando nella finale di Europa League superarono ai rigori l’Arsenal. I giallorossi si ripeterono di li a pochi mesi, trionfando nella Supercoppa Europea ai danni del Real Madrid.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

tre × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.