Frasi famose di Simone Inzaghi

Simone Inzaghi è un tecnico ancora giovane in considerazione dell’età, ma già con una larghissima esperienza in fatto di panchine, per aver iniziato la carriera di tecnico subito dopo aver appeso gli scarpini al chiodo. Eppure non balza all’occhio la sua presenza ai microfoni, per via della semplicità con cui spiega le partite.

E’ invece il tono della voce, sempre rauco, perchè il fratello di Pippo Mondiale ha il buon uso di dare sempre il massimo a bordocampo durante il match per cui, si presenta in sala stampa molto affaticato e decisamente consumato per quel che riguarda le corde vocali.

Frasi famose di Simone Inzaghi

Abbiamo giocato bene i primi venti minuti.

I giudizi nel calcio cambiano velocemente.

Mi è stato detto che i calciatori più importanti resteranno all’Inter. Young è andato via, gli esterni sono molto importanti ed Eriksen non sarà disponibile. Siamo al lavoro per trovare sostituti all’altezza. Della partenza di Hakimi eravamo già al corrente, dolorosa ma preventivata. Era richiesto da tutta Europa, sono stati bravi i direttori a portarlo all’Inter. La squadra rimarrà competitiva, come si è visto con Calhanoglu, operazione non semplice.

Cercheremo di parlare, di vedere se gli obiettivi saranno comuni. Secondo me lo saranno, questa stagione me la prendo perché abbiamo passato il girone di Champions, sappiamo chi avevamo davanti.

Ringrazio tutti, il bianco e il celeste rimarranno sempre nella mia anima.

Si discuteva di questo quando eravamo in corsa per lo scudetto prima del Covid. Sono passati quasi 16 mesi, posso aspettare altri tre giorni senza problemi perché è la Lazio altrimenti non avrei aspettato.

Siamo una squadra offensiva, a cui piace sviluppare in ampiezza. In determinate giornate in cui sbagliamo più del solito, contro avversari che hanno gamba, si può subire qualche ripartenza. Dobbiamo avere più equilibrio, non snaturando le nostre idee di gioco e cercando di creare come stiamo facendo.

Dzeko stava per essere cambiato prima del goal ( prima del gol dell’1-2 in Fiorentina-Inter del 2021).

Scudetto? Dopo quello che è successo in estate dobbiamo continuare così.

Si gioca ogni due giorni e mezzo, tutti dovranno dare una mano.

Io devo commentare quello che ho visto. Era il ritorno in Champions davanti nostri tifosi. Spiace per tifosi, per la società e per i nostri giocatori che hanno dato tutto in campo. Contro squadre così non puoi abbassare la concentrazione o ti puniscono. Giocando così sono fiducioso per il futuro e per la qualificazione.

Ti farò vincere la Scarpa d’oro. (Detta al suo arrivo all’Inter con Lukaku ancora nerazzurro)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.