Emergenza coronavirus: i paesi in cui il calcio continua

L’emergenza Coronavirus emersa in maniera clamorosa anche in Europa dopo il turno infrasettimanale di Champions League ed Europa League, con partite rinviate a data da destinarsi, altre giocate a porte chiuse ed altre ancora come se nulla fosse, ha spinto l’UEFA a prendere i primi provvedimenti a tutela dalla salute pubblica e non solo di quella degli atleti che scendono in campo. Ecco allora arrivati alla sospensione, per il momento, delle due competizioni per club, con grossi dubbi, a questo punto, anche per il torneo di Euro 2020 che per la prima volta sarebbe stato itinerante.

Leggi anche  Euro 2021: squadre, partite, sorteggio, calendario

In seguito alla classificazione, da parte dell’Oms del Covid 19 come”una pandemia”, era necessario che anche il calcio e lo sport prendesse una decisione ferma e risoluta.

Quindi, dopo lo stop imposto alla Serie A, hanno fatto seguito anche gli altri 4 più importanti tornei nazionali in Europa, con Ligue 1, Premier League, Liga e Bundesliga, con i tedeschi ultimi in ordine di tempo. Continuano però nel resto del continente altri 16 massimi tornei nazionali, ovvero:

  • Cipro,
  • Islanda,
  • Svezia,
  • Russia,
  • Serbia,
  • Turchia,
  • Ucraina,
  • Ungheria,
  • Azerbaigian,
  • Bielorussia,
  • Finlandia,
  • Gibilterra,
  • Kazakistan,
  • Kosovo,
  • Montenegro,
  • Far Oer
Davide Bernasconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.