David Duffield: la stella del ciclismo di Eurosport

David Duffield è stato per anni il  più leggendario commentatore di Eurosport di ciclismo, diventato noto per il suo stile di cronaca unico. L’84enne morì il 21 febbraio 2016 a causa delle ferite riportate in una caduta domestica.

Oltre al suo commento, Duffield era anche stato un ciclista affermato, avendo stabilito il record nel 1956 per aver guidato da Land’s End a John O’Groats su un triciclo. Ha percorso l’intera lunghezza della Gran Bretagna in 3 giorni, 12 ore e 15 minuti. Inoltre, ha anche detenuto il record per il Duffield gareggiava anche nel più classico sport delle due ruote e tre anni prima era tra i ciclisti che si schierava ai nastri di partenza del Tour of Ireland nel 1953.

La gara era nata quando il governo irlandese diede il via ad un festival culturale noto come An Tóstal . Come parte del festival, Cumann rothaíochta na hÉireann (CRE), che precedette la federazione ciclistica irlandese, aveva organizzato una breve corsa a tappe di quattro giorni d’Irlanda con la sponsorizzazione di An Tóstal, Aspro ed Hercules.

Alla partenza della quattro giorni di gara a Dublino, c’erano anche alcuni dei migliori ciclisti irlandesi dell’epoca, tra cui JJ McCormack, Shay Elliott e Jim McQuaid. Altri riders che varcarono il Mare d’Irlanda per partecipare sono stati Brian Robinson, Bernard Pusey e Brian Haskell.

La tappa di apertura aveva portato i corridori da Dublino a Wexford, ma sfortunatamente per Duffield, è stato uno dei corridori coinvolti in un incidente a Thomastown, contea di Kilkenny, quando un carretto di asini finì in mezzo al gruppo. Si rivelò un incidente piuttosto grave e alcuni ciclisti furono costretti a ritirarsi dalla gara.

Fortunatamente per Duffield, rimase illeso e concluse la tappa a Wexford. Fu in grado di essere presente nelle successive a Cork e Limerick e la fase finale a Dublino. Si piazzò al 48 ° posto assoluto, a ventidue minuti dal vincitore assoluto Brian Haskell del team London NCU.

A volte parlava dell’incidente con l’asino quando commentava le gare per Eurosport.

Duffield sarebbe tornato in Irlanda decenni dopo la sua apparizione al Tour of Ireland, dove commentò sia alla Nissan Classic che, più recentemente, al Tour of Ireland.

Sembra che si sia divertito anche in Irlanda. Prima del Tour de France del 1998, Duffield ai microfoni spingeva gli spettatori a viaggiare per assistere alla partenza.

Durante il suo commento a una tappa del Tour de France l’anno prima dell’inizio irlandese, disse: “Posso assicurarvi, avendo lavorato durante la Nissan Classic per sette anni, l’ospitalità, il calore dell’accoglienza irlandese devono essere visti per crederci, un caloroso benvenuto vi attende in Irlanda. Gli irlandesi danno sempre un caloroso benvenuto ai visitatori. Ci sono stato e lo adoro, il calore che c’è è assolutamente incredibile “

Il fatto che qualche anno prima fosse rimasto coinvolto in un incidente assurdo non fu sufficiente per fargli cambiare idea sul concetto di ospitalità del paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.