Corey Brewer: merce di scambio in NBA

E’ stato di quei giocatori che ha cambiato diverse squadre NBA finendo per essere una merce di scambio nei suoi trasferimenti, passato come un pacco da una franchigia all’altra. È Corey Brewer.

Chi era? Un giocatore di basket americano, nel ruolo di guardia tiratrice dalla fine degli anni 2000 alla fine dell’ultimo decennio.

Perché è ricordato? Per essere stato due volte campione NCAA e campione NBA con Dallas.

Cosa fa adesso? Si è ritirato nel 2020 nei ranghi dei Sacramento Kings. Attualmente lavora nello staff tecnico dei New Orleans Pelicans.

Lo sapevi che? È stato uno dei giocatori chiave dell’Università della Florida Gators capace di vincere due titoli NCAA consecutivi.

– Con i Gators ha giocato al fianco di tutte le star Joakim Noah e Al Horford.

– È stato selezionato settimo nel draft 2007 dai Minnesota Timberwolves. Horford è stato scelto in posizione 3 e Noah, in posizione 9.

– Questo fu il draft anche di Rudy Fernández e Marc Gasol.

– Precisamente, Rudy e Brewer finirono a Denver.

– La sua permanenza a Dallas ha coinciso con la vittoria della squadra texana nella finale del 2011 contro Miami, anche se Brewer ha giocato pochissimo.

– La maggior parte della sua carriera è stata spesa come merce di scambio nei trasferimenti tra franchigie.

In una partita con il Minnesota contro Houston nel 2014, ha segnato il suo record personale: 51 punti.

– In carriera ha segnato 8,7 punti di media, 2,8 rimbalzi e 1,5 assist.– È alto 2,06 metri.

Biografia, palmares, statistiche: Corey Wayne Brewer è nato il 5 marzo 1986 a Portland, nel Tennessee. Ha debuttato nella NBA nel 2007 in Minnesota. Nel 2011 ha giocato a Dallas e nello stesso anno è andato ai Denver Nuggets. Nel 2013 è tornato ai Timberwolves e nel 2014 è stato ceduto agli Houston Rockets. Nel 2017 è finito in California ai Los Angeles Lakers e nel 2018 agli Oklahoma City Thunder. Dopo un breve periodo a Filadelfia, i Sacramento Kings sono la sua ultima tappa, ritirandosi nel 2020. Ha un anello NBA nel suo palmares, ottenuto con Dallas nel 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.