Charles Oakley: la “Quercia” della NBA

Andiamo nel mondo dorato della NBA per ricordare Charles Oakley.

Chi era? Un pivot americano dalla metà degli anni ’80 alla metà degli anni 2000.

Perché viene ricordato? Per essere stato uno dei migliori rimbalzisti del suo tempo e per la sua vasta esperienza nella NBA.

Cosa fa adesso? Si è ritirato nel 2004 con gli Houston Rockets. Attualmente è l’allenatore dei Killer 3 di BIG3, la lega di basket 3 contro 3. Inoltre, ha altre attività come una catena di parrucchieri, un autolavaggio e un ristorante, tra gli altri.

Lo sapevi? Fu selezionato nel primo round del draft NBA del 1985 dalla squadra della sua città natale, i Cleveland Cavaliers, ma fu ceduto ai Chicago Bulls.

– Quel draft vide al numero 1 Patrick Ewing, che sarebbe poi diventato il compagno di squadra di Oakley ai Knicks.

– Altri giocatori eccezionali di quell’annata furono Chris Mullin, Detlef Schrempf, Xavier McDaniel e Karl Malone. Fu anche il draft dello sfortunato Fernando Martín.

– All’inizio della sua carriera era conosciuto come Quercia, in un gioco di parole con il suo cognome e in riferimento alla sua forza e sobrietà in campo.

– Dopo tre anni con i Bulls, dove ha giocato assieme Michael Jordan, è andato ai Knicks in uno scambio che ha mandato Bill Cartwright nella direzione opposta.

Nel 1994 è stato selezionato per l’All-Star.

– La sua sfortuna fu il fatto di lasciare i Bulls prima dell’inizio dell’epoca d’oro che vide la franchigia di Chicago vincere ben 6 anelli NBA.

– Nel 2002 è entrato a far parte dei Washington Wizards, dove ha incontrato di nuovo Jordan.

– Nel 2017 è stato coinvolto in un incidente al Madison Square Garden: ha colpito una guardia di sicurezza ed è stato arrestato.

– Identico problema con la giustizia un anno dopo: nel 2018 venne arrestato a Las Vegas dopo aver gettato le chips da un tavolo da gioco.

– In carriera ha segnato 9,7 punti di media, 9,5 rimbalzi e 2,5 assist.

– È alto 2,06 metri.

Biografia, palmares, statistiche: Charles Oakley è nato il 18 dicembre 1963 a Cleveland, Ohio. Ha debuttato con i Bulls nel 1985 e nel 1988 è passato ai Knicks. Dopo dieci stagioni a New York, ha firmato con i Toronto Raptors, dove ha trascorso tre anni. Poi è tornato a Chicago e un anno dopo è andato ai Washington Wizards, dove ha anche trascorso una stagione. La sua ultima squadra sono stati gli Houston Rockets, dove è arrivato nel 2004 e dove si è ritirato lo stesso anno.

 

Davide Bernasconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.