Borussia Mönchengladbach: storia dei Verdi di Germania

Principalmente conosciuto e rispettato per la sua filosofia offensiva, il Borussia Mönchengladbach è uno dei club più popolari del calcio tedesco. È anche uno dei più vincenti, avendo vinto cinque titoli di Bundesliga, tre DFB-Pokals e due Coppe UEFA, il che è notevole per una squadra di piccole città. La squadra gioca le sue partite al Borussia-Park, uno stadio rinomato per la sua enorme terrazza Nordkurve con quasi 16.000 posti in piedi. Il nome ufficiale completo del club è Borussia VfL 1900 Mönchengladbach e.V. “Vfl” sta per Verein für Bewegungsspiele (in inglese: “club for physical games”), “1900” per l’anno di fondazione e “e.V.” infine sta per eingetragener Verein (in inglese: associazione registrata).

Storia

Il club è stato fondato come FC Borussia nel 1° agosto 1900; il nome è stato preso in prestito dall’ortografia latina della parola Prussia, la regione in cui si trovava il club. Cambiarono nome nel 1919 (al 1899 VfTuR M.Gladbach), nel 1921 (a Borussia VfL 1900 eV M.Gladbach) , e infine nel 1961 (al Borussia VfL Mönchengladbach).

Durante i suoi primi sei decenni di esistenza, il Gladbach aveva avuto un discreto successo nelle competizioni locali ed era noto soprattutto per la sua feroce rivalità con il Colonia. Come avrebbe voluto il destino, Gladbach finì per sconfiggere Köln sulla strada per il suo primo trofeo, la DFB-Pokal del 1960.

Anche se il Gladbach non era tra le sedici squadre invitate per la prima stagione della Bundesliga nel 1963, il massimo livello del calcio tedesco non poteva sfuggirle a lungo. In effetti, il club ha guadagnato la promozione solo tre anni dopo, contemporaneamente al Bayern Monaco. Gran parte del merito dell’ascesa fulminea del club all’eccellenza va a Hennes Weisweiler, un allenatore che ha portato una ventata di aria fresca al club con il suo marchio di calcio offensivo.

Anni d’oro

Con il tecnico Weisweiler al timone e giovani giocatori di talento come Berti Vogts (poi tecnico della nazionale) e Jupp Heynckes (diventato invece famoso e vincente con il Bayern) nella squadra, il Gladbach è diventato un fulcro del calcio tedesco negli anni ’70. Durante questa epoca d’oro, il club ha vinto tutti e cinque i titoli della Bundesliga della sua storia, la seconda DFB-Pokal e ha raggiunto ben quattro finali europee.

Declino

Con il club costretto a vendere la maggior parte dei suoi migliori giocatori per evitare il fallimento, la sua fantastica corsa ai primi posti del calcio nazionale ed europeo si è presto conclusa. Dopo aver vinto la sua terza DFB-Pokal nel 1995, il Gladbach ha cominciato a lasciare con regolarità la prima metà della classifica della Bundesliga e ha iniziato a passare la maggior parte del suo tempo a flirtare con la zona retrocessione.

Nel 2004, la squadra si è trasferita dal vecchio stadio Bökelberg al nuovo Stadion im Borussia-Park (Borussia Park) con una capacità di 46.279 posti.

Leggi anche  Borussia-Park: la casa del Mönchengladbach

Note importanti

Fondazione: 1900
Nazione: Germany
Città: Mönchengladbach

Stadio
Bökelbergstadion (1919-2004)
Stadion im Borussia-Park (2004-)

Principali trofei
Bundesliga: 5
DFB-Pokal: 3
UEFA Cup: 2

Giocatori leggenda
Berti Vogts, Jupp Heynckes, Herbert Wimmer, Günter Netzer, Rainer Bonhof, Allan Simonsen, Lothar Matthäus, Norbert Ringels, Martin Dahlin, Patrik Andersson

Club records
Giocatore con maggior presenze: Berti Vogts (419)
Top goalscorer: Jupp Heynckes (195)

Infine, vi lasciamo alla visione di una delle partite più celebri della storia dei Verdi di Germania, ovvero il match con l’Inter di Coppa Campioni e che vide il povero Boninsegna, suo malgrado, “segnare di testa”, uno dei goal più clamorosi della storia della competizione della coppa dalle grandi orecchie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

undici + 10 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.