Blackpool: la maglia omaggio all’Olanda

Parliamo di una t-shirt dal colore peculiare e della sua storia. Ci troviamo in Inghilterra per parlare della maglia arancione del Blackpool.

È uno dei club più tradizionali d’Inghilterra, soprattutto perché è qui che ha trionfato Sir Stanley Matthews  il primo Pallone d’Oro della storia e per alcuni, il miglior giocatore inglese di tutti i tempi. Nella prossima stagione 2021/22, il Blackpool disputerà la seconda categoria del calcio inglese grazie alla promozione ottenuta la scorsa stagione. Il club si distingue giocando con l’arancione, colore poco visto nel calcio inglese in generale e in quello europeo in particolare. L’arancione non è sempre stato il suo colore principale. Fondata nel 1887, Blackpool ha avuto diverse divise, evidenziandone una con strisce bianche e blu o un’altra con una maglia rossa. Solo nel 1923 la squadra adottò l’arancione che l’ha resa famosa.



Se qualcuno pensa all’arancia e al calcio, l’associazione mentale con la squadra dell’Olanda è inevitabile. E in effetti, si è nella selezione oranje in cui si trova il motivo per cui il colore scelto dal Blackpool è questo. L’idea venne a Albert Hargreaves, uno dei dirigenti del club, che era anche arbitro. Hargreaves arbitrò una partita internazionale nel continente tra Belgio e Olanda e rimase così colpito dal colore sorprendente delle maglie olandesi che quando tornò a Blackpool suggerì con insistenza che il club adottasse quel colore distintivo, in un momento in cui era anche molto raro che le squadre scegliessero maglie monocolore.

Da allora, e con l’eccezione di cinque stagioni tra il 1933 e il 1938 (in cui indossavano strisce blu scuro e celesti), Blackpool ha usato la maglia arancione, che gli è valsa il soprannome di The Tangerines.

C’è un fatto curioso da aggiungere. Poco prima di adottare l’uniforme arancione, tra il 1914 e il 1915, Blackpool indossava magliette a righe orizzontali nere, gialle e rosse. In questo caso, onorando la bandiera del paese confinante dei Paesi Bassi, cioè il Belgio. Il motivo è curioso: si trattava di una dedica all’importante colonia di cittadini belgi che si stabilirono a Blackpool come profughi allo scoppio della prima guerra mondiale (il più famoso rifugiato belga nel Regno Unito, nel suo caso a Londra, era il detective Hercules Poirot, creato da Agatha Christie).

Davide Bernasconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.