Australia, il cambio di confederazione dei socceroos nel 2006

Nel 2006 l’Australia, la più grossa federazione calcistica dell’Oceania, cambiò bandiera e passò alla confederazione dell’Asia Asian Football Confederation (AFC), lasciando così ufficialmente l’Oceania Football Confederation (OFC).

In questo modo i socceroos abbandonarono una serie di squadre dal livello tecnico decisamente basso, dettato dal fatto che le nazioni sono spesso poco più che isole sparse nell’Oceano, per poter competere in tornei come quelli asiatici sicuramente più allenanti.

Inoltre, bisogna tenere in considerazione che l’Oceania non ha mai avuto un posto disponibile per l’accesso alla Coppa del Mondo, ma la vincente ha sempre dovuto superare uno spareggio, in genere affrontando una nazionale del Sudamerica, per strappare il ticket necessario a confrontarsi con le migliori.

L’Australia infatti, venne superata nel play-off dall’Argentina (1994), dall’Iran (1998) e dall’Uruguay (2002), vedendo così sfumare il viaggio mondiale. Proprio nel 2006, riuscirono a qualificarsi superando a sorpresa l’Uruguay e tornando, è il caso di dire, proprio la in Germania dove avevano giocato la fase finale del 1974.

Per gli australiani, la determinazione era dunque forte: vincere a mani basse il girone di qualificazione, spesso con punteggi record, e poi perdere nello spareggio modello coppe europee, senza gustare il palcoscenico iridato. Nel 2005 l’AFC inviò così una richiesta di unirsi a loro e la confederazione oceanica diede la sua benedizione.

Il 22 febbraio 2006, l’Australia si misurò per la prima volta ufficialmente da “asiatica”, battendo per 3-1 il Bahrain 3-1 in un match di qualificazione per la Coppa d’Asia. In quel primo torneo asiatico si piazzarono al settimo posto mentre nel 2001 vennero battuti nella finalissima dal Giappone per 1-0 ai tempi supplementari.

Ma nell’edizione 2015 arriverà il primo successo continentale dei canguri che supereranno per 2-1, sempre all’overtime, la Corea del Sud nella finalissima di Sidney, al termine della rassegna che ospitarono.

australia-coppa-asia-finale-2015

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sedici + 11 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.