Arthur Gould: la prima stella del rugby

La prima grande superstar nella storia del rugby: Arthur Gould.

Arthur Joseph Gould è nato il 10 ottobre 1864 a Newport, nel Galles. Suo padre, Joseph, era un inglese che si trasferì in Galles e instillò nei suoi cinque figli l’amore per lo sport. In effetti, i cinque Gould hanno giocato tutti a rugby nella squadra di Newport. I suoi fratelli Bob e Bert erano nella nazionale con il Galles, mentre un altro dei suoi fratelli, Wyatt, gareggiava sui 400 ostacoli ai Giochi di Londra del 1908.

Da bambino, Arthur fu battezzato con il soprannome di Scimmia, per il suo amore ad arrampicarsi sugli alberi e la sua agilità. A 14 anni era già capitano della squadra junior di Newport e a 18 era inserito nella squadra senior.

All’età di 21 anni fu convocato per la prima volta dalla selezione del Galles, in una partita contro l’Inghilterra. In quella squadra c’era anche suo fratello Bob.

Prontom Arthur Gould è diventato il miglior giocatore del suo tempo. Era un ottimo calciatore, un velocista velocissimo e un difensore molto efficiente.

A quel tempo, il rugby non era professionale, quindi Gould lavorava come appaltatore di lavori pubblici con suo fratello Bob. Viaggiarono in lungo ed in largo per la Gran Bretagna, quindi Arthur giocò con diverse squadre. A Londra militò con il London Welsh , squadra gallese nella capitale dell’Impero. Fu anche con il Richmond FC, uno dei club più antichi del mondo. A Southampton giocò con i Trojan, oltre che con le squadre del Middlesex e dell’Hampshire. E quando tornò a casa, militò fa le fila del Newport .

Web Hosting

Ma con il quale è rimasto fedele è stato con la selezione. Nel 1889 era già capitano dei Dragoni e guidò la squadra alla conquista della Triple Crown del 1893. Fino al 1897 giocò 27 partite e segnò 13 punti. Il record della partita non fu eguagliato fino a quasi 100 anni dopo, nel 1980. Quello dei punti come capitano (18) non fu battuto fino al 1994 da Ieuan Evans .

Ma la carriera internazionale di Gould terminò bruscamente a causa di un problema burocratico. Al culmine della sua carriera, Gould era una star quasi mondiale. Un uomo d’affari gallese organizzò una colletta in onore di Gould, che grazie alla sua popolarità raggiunse una cifra considerevole. Ma le regole del rugby erano chiare: nessun giocatore poteva ricevere denaro per esserlo, in una rigida interpretazione del dilettantismo. La RFU (la federazione inglese) denunciò la raccolta in onore di Gould davanti all’International Rugby Football Board e questo ente avvertì la Federazione gallese che al massimo Gould poteva ricevere una targa del valore di 100 sterline e il resto del ricavato venisse devoluto in beneficenza. La Federazione gallese fu fondata, oltraggiata dalle pressioni della RFU e considerando che la raccolta era un’azione popolare. Pertanto, nel 1897 la Federazione gallese annunciò la sua partenza dall’IRFB e organizzò un partito in onore di Gould, dove gli consegnarono ciò che era stato raccolto.

Il Galles trascorse un anno come entità indipendente, fino a quando nel 1898, l’IRFB riammise la federazione. Naturalmente, l’IFFB pose una condizione: Gould non avrebbe potuto giocare di nuovo con la sua squadra. Gould passò allora ad arbitrare ed iniziò come allenatore. Nel 1901, e per evitare conflitti simili, l’IRFB specificò più in dettaglio le sue leggi relative al dilettantismo ed al divieto di professionismo.

Quando Arthur Gould riappese gli stivali divenne un rappresentante della birra. Nonostante avesse smesso con lo sport, era ancora un idolo per le persone e la sua immagine veniva utilizzata nel merchandising come scatole di fiammiferi10 o pacchetti di tabacco, essendo uno dei pionieri in questo campo.

Ma sfortunatamente, Arthur Gould non morì vecchio. Il 2 gennaio 1919 iniziò a sentirsi male e morì di notte. Soffriva di un’emorragia interna fatale. Aveva 54 anni . Il suo funerale riunì decine di migliaia di persone.

Web Hosting

Attualmente, Arthur Gould fa parte del Welsh Sports Halls of Fame, World Rugby e, naturalmente, del Newport RFC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

due × due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.