Accade oggi 17 giugno: No coppa, no party per il Newell’s Old Boys

Il 17 giugno 1992, il San Paolo vinse la sua prima Coppa Libertadores, battendo ai rigori il Newell’s Old Boys, la squadra che ha avuto tra le sue fila, in epoche differenti, due grandissime stelle che rispondono ai nomi di Diego Armando Maradona e Leo Messi. Fu un finale appropriato, poiché gli unici gol segnati in entrambe le partite della finale furono su rigore.

L’Old Boys aveva ospitato l’andata una settimana prima vincendo per 1-0, con un calcio di rigore al 39′ del centrocampista Eduardo Berizzo. Le squadre si incontrarono dopo 7 giorni all’Estádio do Morumbi di São Paulo per la gara di ritorno, dove la partita rimase senza reti nel secondo tempo nonostante le continue serie di attacchi di entrambe le squadre.

L’equilibrio finalmente si sblocca al 65′ quando l’arbitro assegna un dubbio rigore ai padroni di casa. Il centrocampista Raí Souza Vieira de Oliveira (fratello minore del leggendario Sócrates) trasformò il tiro, spedendo la sfera nell’angolino in basso per pareggiare la serie. La partita si concluse 1-1, richiedendo la lotteria dei rigori per determinare il vincitore.

Il primo tentativo fu di Berizzo, che colpì il palo. Più tardi, con le squadre sul 2-2, il portiere dell’Old Boys Norberto Scoponi parò il tiro al difensore del San Paolo Ronaldão, ma l’Old Boys non fu in grado di capitalizzare, poiché l’attaccante Alfredo Mendoza mandò il suo tentativo sopra la traversa. Il São Paulo passò in vantaggio nella sequenza successiva, il che significava che il difensore Fernando Gamboa doveva trasformare il suo tiro per continuare la sfida. Ma il portiere del San Paolo Zetti indovinò l’angolo, tuffandosi basso alla sua sinistra intuendo il tiro e consegnando di fatto il trofeo al San Paolo.

Il San Paolo ha difeso con successo il suo titolo nel 1993 e lo vinse ancora una volta nel 2005. Gli Old Boys, nel frattempo, che avevano perso in finale nel 1988, devono ancora aspettare il primo successo nella competizione continentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.