Accadde oggi 31 marzo: David “Rocky” Rocastle muore

Il 31 marzo 2001, il centrocampista 33enne David “Rocky” Rocastle, che aveva giocato per Arsenal, Leeds United, Manchester City e Chelsea, muore per complicazioni legate al linfoma di non-Hodgkin.

Nato nel 1967, Rocastle inizia la sua carriera con le giovanili dell’Arsenal nel 1983, arrivando nella squadra maggiore nel 1985 e rimanendoci fino al 1992. Diviene una star dei Gunners, collezionando 218 presenze in campionato e segnando 24 gol. In quel periodo, l’Arsenal vince una Coppa di Lega (1987) e due campionati (1989, 1991). Ma verso la fine del suo periodo ad Highbury, gli infortuni iniziarono a influenzare il suo gioco e si trasferì al Leeds United nell’estate del 1992 per £ 2 milioni, un record per le casse del Leeds all’epoca.

Il suo tempo a Elland Road viene limitato da una combinazione di fattori, tra cui l’infortunio e la concorrenza di altri giocatori, incluso Gordon Strachan, l’uomo che era stato chiamato a sostituire. Nel dicembre 1993, Rocastle si trasferì di nuovo, questa volta al Manchester City, ma ancora una volta non riuscì ad avere un impatto positivo. Al termine della stagione 1992-93 torna a Londra, questa volta con il Chelsea.

Rimane con il Chelsea per quattro stagioni, ma non riuscì mai a recuperare la forma fisica che aveva dimostrato durante il suo precedente periodo a Londra con l’Arsenal. Trascorre il 1997 in prestito al Norwich City e all’Hull City, quindi ritorna nella squadra riserve del Chelsea. Dopo aver lasciato il Chelsea nel 1998, si unisce brevemente alla squadra malese del Sabah FA, ma gli infortuni lo costringono ritiro nel dicembre 1999.

Nel febbraio 2001, Rocastle annuncia di aver contratto il linfoma non-Hodgkin, una forma di cancro che colpisce il sistema immunitario. Nonostante la chemioterapia aggressiva, morirà il 31 marzo.

L’Arsenal ha reso omaggio a Rocastle intitolando a lui la nuova struttura di allenamento indoor della squadra giovanile. Lo ha anche incluso come uno dei 16 ex giocatori dell’Arsenal per dipingere le immagini sui lati del nuovo Emirates Stadium.

Davide Bernasconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.