Accadde oggi 22 marzo: il derby di Belgrado diventa la celebrazione del nazionalismo serbo

Era il 22 marzo 1992, quando i detentori della Coppa dei Campioni in carica e campioni della Prima Lega jugoslava della Stella Rossa Belgrado affrontarono gli acerrimi rivali del derby del Partizan in una partita di campionato sul campo di casa della Stella Rossa, meglio noto come “Marakana” dal nome del famoso stadio brasiliano.

La rivalità tra Stella Rossa e Partizan è accesa e spesso segnata dalla violenza. Prima della partita del 22 marzo, si capiva che la partita non sarebbe stata che un’altra puntata senza fare eccezioni, con diverse risse scoppiate mentre i tifosi delle squadre entravano nello stadio. Una volta iniziata la partita, le masse dei gruppi di tifosi rivali cominciarono a provocarsi a vicenda con insulti e minacce di continue violenze dopo la partita.

Poco dopo l’inizio della partita, tuttavia, la folla si calmò quando un gruppo di circa 20 Tigri serbe – soldati paramilitari – senza apparente ordine, si fermò sulla tribuna nord e alzò un cartello stradale con la scritta “20 miglia a Vukovar” – Vukovar è una città croata che si trova sul percorso dell’esercito serbo. Man mano che la partita andava avanti, i soldati alzarono altri cartelli: “10 miglia per Vukovar”, poi “Benvenuti a Vukovar”. Dopo Vukovar furono innalzati cartelli con altri nomi mentre altre città e paesi croati cadevano in mano ai serbi.

La folla, unita nel fervore nazionalistico, urlava insegno approvazione ogni volta che ogni cartello veniva alzato, creando un crescendo drammatico quando il leader della Tigre Željko Ražnatović, meglio conosciuto come “Arkan”, si alzò in piedi per sentire l’acclamazione della folla. La partita finì con un pareggio senza reti, ma pochi tifosi sembravano preoccuparsene. La partita resta un promemoria che fa riflettere sul fatto che la connessione generalmente positiva tra nazionalismo e calcio ha anche un lato oscuro.

La Stella Rossa vinse il campionato quell’anno – il loro 19esimo titolo – in quella che sarebbe stata l’ultima stagione della Prima Lega jugoslava.

Davide Bernasconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.