Nello sport non mancano, come nella vita, le storie tristi ed anche il basket si iscrive in questa categoria; il personaggio che ebbe un triste esito è una donna ed il suo nome è Margo Dydek.

Il 28 aprile 1974 nasce a Varsavia, in Polonia, Małgorzata Teresa Dydek. Suo padre era alto 2,01 metri e sua madre era alta 1,91 metri, quindi tutto sembrava già scritto che Margo sarebbe stata alta, ma lei superò di gran lunga i suoi genitori e raggiunse i 2,18 metri, il che la rese la giocatrice di basket più alta della storia.

Vista la sua altezza, il basket era il suo destino naturale e nel 1992 iniziò a giocare nell’Olimpia Poznan. Nel 1994 passa ai francesi Valenciennes Orchies e nel 1996 arriva in Spagna per giocare con la maglia del Pool Getafe.

Come molti altri giocatori della WNBA, sapeva alternare la stagione estiva negli Stati Uniti e quella invernale in Europa.

Entrò nel draft WNBA nel 1998 per gli Utah Starzz, con i quali militò per due stagioni, alternandosi fra Europa ed USA, con la compagine del Gdynia del suo paese natale.

La franchigia degli Starzz si trasferì a San Antonio, diventando i Silver Stars, e dopo un anno in Texas, passò al Connecticut Sun. Dydek giocò tra il 2006 e il 2007 per il Ros Casares a Valencia, per poi tornare nella WNBA e unirsi ai Los Angeles Sparks, dopo un anno di pausa a causa della nascita del suo primo figlio.

Nella sua carriera nella WNBA, Dydek divenne la leader di tutti i tempi nelle stoppate, nove volte il miglior stoppatore della stagione e una volta anche miglior rimbalzista della stagione.

Margo Dydek e suo marito, l’inglese David Twigg, ebbero un altro figlio nel 2010 e decisero di stabilirsi in Australia, dove divenne allenatore dei Northside Wizards di Brisbane.

Ma il 19 maggio 2011, Margo Dydek svenne mentre era a casa. Aveva avuto un infarto. Portata in ambulanza in un vicino ospedale, rimase in coma. Morì otto giorni dopo, senza riprendere conoscenza. Era incinta di quattro mesi del suo terzo figlio , anche lui morto. Aveva 37 anni.

Fu a Varsavia il 17 giugno 2011 e le sue ceneri riposano nel cimitero di Zabki , vicino alla capitale polacca. A lei è intitolato un torneo di basket, a Wolomin è intitolata una piazza e a Zabki è intitolata anche una scuola.

Davide Bernasconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.